Home » Senti Chi Canta » Big della Musica » Serge Gainsbourg – Aux Armes Et Caetera (1979 – LP)

Serge Gainsbourg – Aux Armes Et Caetera (1979 – LP)

Serge Gainsbourg - Aux Armes Et CaeteraGli anni ’70 proseguono per Serge Gainsbourg all’insegna della sperimentazione continua, non contento di avere una relazione con la bellissima Jane Birkin, Serge continua nella sua ricerca musicale sfornando una successione di concept album curatissimi e meravigliosi, e la cosa andrà ad accentuarsi sempre di più di pari passo col suo lato più provocatore.

Dopo quei due capolavori di “Histoire de Melody Nelson” del 1971 (il suo lavoro musicalmente più complesso, storia di un uomo che investe una ragazzina innamorandosene perdutamente) e “Vu de l’Exterieur”, del 1973 (altro bellissimo album, nonostante quasi tutte le canzoni siano incentrate sulle feci ed annessi), escono altri due album molto curiosi che scatenarono moltissime polemiche, parliamo di “Rock Around The Bunker”, del 1975 (album rock molto ritmato ispirato agli ultimi giorni di Hitler) e “L’Homme à Tête de Chou”, ’76 (cupissimo album su un uomo che uccide la ragazza di cui è innamorato ma che non lo ricambia e impazzisce convinto di avere un cavolo al posto della testa), forse anche simbolo della sua imminente rottura con la Birkin di lì a poco.

Dopo una pausa di tre anni colmi di critiche continue, eccessi e problemi personali, Serge decide di dare un nuovo tocco alla sua immagine e dopo un viaggio in Jamaica decide di unire il suo classico stile di chansonnier con la musica reggae realizzando nel 1979 il curioso album ”Aux Armes Et Caetera”.

Il bizzarro connubio, soprannominato da alcuni critici “freggae” (French + reggae), non solo riesce ad avere una propria personalità ed un proprio colore ma assicura a Serge anche un grande successo in patria e in Europa. Abbandonate le chitarrine funky, le atmosfere trasognate e quasi psichedeliche ricche delle più disparate influenze degli ultimi album, Gainsbourg si trasferisce a Kingston, recluta una backing band locale di amici e collaboratori di Peter Tosh come Robbie Shakespeare, Mikey Chung o Sly Dunbar (gente che poi suonerà con Mick Jagger e i Rolling Stones, Bob Dylan, Joe Cocker, Grace Jones, Herbie Hancock e James Brown) e un gruppo di coriste giamaicane (tra cui Rita Marley, moglie di Bob) e in un paio di mesi registra e mixa un intero album con il solito, grandissimo, risultato (tra l’altro sarà il primo europeo a incidere un intero album nell’isola caraibica).

Serge Gainsbourg giamaica peter tosh
Serge Gainsbourg in Giamaica con Sly and Robbie, Ansel Collins e altri musicisti

Seppur completamente diverso nella forma, il nuovo lavoro di Gainsbourg mostra lo stesso inalterato acume nei testi, lirici e grotteschi allo stesso tempo: nell’album vengono riproposti rifacimenti reggae di alcuni suoi classici: “Javanaise Remake” e “Marilou Reggae Dub”, una cover in francese di “You Rascal You” che diventa “Ville Canaille”, una canzone su un’avventura erotica/esotica (“Lola Rastaquouère”) e un’altra su un brutto episodio con la squadra antidroga, tutta nel classico stile al vetriolo gainsbourghiano (“Brigade Des Stups”) o la volgarissima quanto breve “Eau et Gaz a Tou Les Etages”:

Ma petite quéquette
Sort de ma braguette
Je pisse et je pète
En montant chez Kate
Moralité
Eau et gaz à tous les étages

La più famosa canzone del disco e quella che, ancora una volta, fece scatenare una pioggia di polemiche verso il buon vecchio Serge, è  la title track e non è altro che una versione reggae de La Marseillaise in cui le strofe vengono recitate nel classico stile sussurrato di Gainsbourg, quasi con aria scazzata e il ritornello volontariamente beffardo ripete solamente ”alle armi eccetera eccetera”.

Leggi anche:  Gino Paoli - Immagina Un Bel Mondo (Imagine) (John Lennon cover)(1996)

Sicuramente l’autore di “Je T’aime… Mon Non Plus”, era cosciente che la cosa non sarebbe stata presa bene nel suo paese, ma molto probabilmente non si sarebbe mai aspettato delle minacce di morte da parte dei veterani della guerra in Algeria e sopratutto da quei buontemponi del Fronte National di Jean Marie le-Pen che minacciarono più volte di ammazzarlo sul palco se si fosse azzardato a cantarla dal vivo al punto che nonostante le insistenze di Gainsbourg alcuni concerti del tour europeo vennero annullati: poco prima dell’esibizione a Strasburgo ad esempio si scoprì che l’intero palazzo era stato minato con dell’esplosivo al plastico. Gainsbourg rispose pan per focaccia a coloro che non vollero un simile personaggio ritenuto immorale mettersi in bocca i versi dell’inno francese, cantandola comunque davanti alla folla, paradossalmente in un contesto molto più vicino a quello in cui l’inno nacque:

Come se non bastasse l’anno dopo proseguendo ancora col reggae pubblicò ‘‘La Nostalgie Camarade” contenuto in “Mauvaises Nouvelles des Étoiles”, pezzone reggae coi controattributi riguardante l’increscioso episodio e scritto in risposta al fenomeno del neo-fascismo in Francia e delle minacce ricevute dai pagliacci ultra-nazionalisti.

Tracklist:
01. Javanaise Remake
02. Aux Armes Et Caetera
03. Les Locataires
04. Des Laids Des Laids
05. Brigade Des Stups
06. Vieille Canaille (You Rascal You)
07. Lola Rastaquouère
08. Relax Baby Be Cool
09. Daisy Temple
10. Eau Et Gaz À Tous Les Étages
11. Pas Long Feu
12.Marilou Reggae Dub

Letture Consigliate

2 Commenti

  1. Ciò che non si vede nel video di Strasburgo, è che Serge si congedò dai suoi contestatori con un vistoso “bras d’honneur” (il gesto dell’ombrello).

  2. ennesimo capolavoro di un Geniaccio

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi