Pippo Franco che ficoDio salvi Pippo Franco! Uno degli ultimi intrattenitori a tutto tondo: dagli inizi teatrali, poi la musica proto-demenziale, il cinema, le sigle per bambini, la televisione e poi il ritorno a teatro.

Una carriera invidiabile la sua che nei primi anni ’80 toccò l’apice, tanto da essere chiamato nel 1982 ad interpretare la sigla di apertura del del Festival di Sanremo all’interno dell’operazione “svecchiamento” perpetrata da Claudio Cecchetto alla sue terza conduzione. Roba che oggi sarebbe improponibile, ma in quel decennio, specialmente in Italia, apparentemente tutto era concesso.

Musicalmente Pippo Franco è sempre stato ingiustamente sottovalutato, anche in tempi in cui si riabilitano cani e porci il nostro è tenuto in disparte tra risatine stupide e facile ironia.

In mezzo ad una discografia vasta e variegata Che fico! è certamente il pezzo più popolare, vuoi per l’immediata cantabilità del motivetto, vuoi per il testo tutto giocato sul gergo giovanilistico, vuoi per l’irrefrenabile interpretazione da consumato attore comico.

Pippo Franco – Che Fico! (1982)

Esibizione a Disco Ring di uno dei più grandi successi del nostro cantante-attore nasuto preferito.info: http://www.orrorea33giri.com/2006/02/pippo-franco.html

Pubblicato da Orrore a 33 Giri su Venerdì 18 settembre 2015

Oltre ad essere un motivetto ancora piacevolissimo e divertente il brano è di fatto una fotografia (rigorosamente una Polaroid istantanea) dei teenager dei primi anni ’80, quando andava di moda collezionare adesivi, era cosa normale andare a pattinare con gli amici e cominciavano ad aprire le prime discoteche la domenica pomeriggio.

Il pubblico gli diede ragione facendolo diventare uno dei tormentoni dell’anno. La cosa meravigliosa è che Che fico! funziona a meraviglia oggi come allora, con una leggera patina di polvere che rende il tutto, se possibile, ancora più bello.

Che fico!

Fico (che fico)
sognare
di avere un motoscafo
che corre
sul mare
e in tasca ai pantaloni
un po’ di
milioni
da spendere in gelati patatine popcorn e noccioline
e qualche fico
(che fico)
avere
il poster nella stanza
che fico
comprare
un mucchio di adesivi
che fico
uscire
con quella spilla punk sul giubbotto
che tu puoi portare solo se sei fico
(che fico)
andare
nel parco a pattinare
con tutta
la banda
guidare la discesa
girare
sfiorare
quelle ragazzine che vedendoti volare poi sospirano così…
Ma guarda che maglietta e che jeans!
mi piace un frego quello lì
E’ un tipo fico, ma proprio fico!
fico
(che fico)
entrare in una discoteca
ballare
saltare
ballare da morire
poi bere, impazzire
giocarsi una fortuna in aranciate,
poi del resto non me ne importa proprio un fico
(che fico)
andare
insieme a tanta gente
su un prato all’aperto
per vivere un concerto
sentire
gridare
e poi battere il ritmo con un gesto della mano
che ti fa sentire fico
(che fico)
che vita
partire una mattina
per fare una gita
scherzare sul pulmino
un viaggio
da sballo
con quelle ragazzine che ad ogni tua battuta poi sospirano così…
Ma guarda che maglietta e che jeans!
mi piace un frego quello lì
E’ un tipo fico, ma proprio fico!
fico
(che fico)
avere il poster nella stanza…

che fico
(che fico, che fico)
che fico
(che fico, che fico)
che fico
(che fico, che fico)
che fico
(che fico, che fico)

8 Commenti

  1. non ci creeedo…
    penso questo pezzo sia stato la colonna sonora della mia estate…e in mente ho anche quel gesto della mano che fa tanto fico.
    Grazie x averlo rispolverato,e per i ricordi.

  2. siamo un gruppo di guaglioni che ama alla follia PIPPO FRANCO, che è l’unico vero artista da 40 anni a questa parte in italia.

  3. Favolose sul passaggio “…ma guarda che maglietta e che jeans!” le due aspirate asmatiche alla Nino Terzo!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here