Home » Senti Chi Canta » Big della Musica » Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be – The Beatles cover) (1989 – inedito)

Nino D’Angelo – Gesù Crì (Let It Be – The Beatles cover) (1989 – inedito)

Nino D'Angelo Gesù Crì

Lo sapete, siamo esperti di cover straniere rese improbabili da musicisti italiani. Abbiamo parlato di Marco Masini che ha trasformato “Nothing Else Matters” dei Metallica nella funambolica “E chi se ne frega”, di Vasco Rossi che ha stuprato “Creep” dei Radiohead cantando “Ad ogni costo”, di Adriano Pappalardo che ha preso “Knockin’ On Heaven’s Door” di Bob Dylan e l’ha fatta diventare “Ai miei figli che dirò”, per arrivare alla più recente doppia cover “A chi mi dice” dei Blue interpretata da Fausto Leali e Mina.

A grande richiesta dunque arriviamo a raccontarvi della capostipite del genere “cover italianizzate”: la struggente cover di “Let It Be” dei Beatles che grazie al trattamento di Nino D’Angelo diventa “Gesù Crì”, struggente implorazione al Figlio di Dio a tornare tra noi mortali peccatori con dei versi che definire didascalici sarebbe riduttivo: “Gesù Crì, Gesù Crì / torna n’atra vota / Gesù Crì”.

La canzone, scritta dal caschetto biondo quando era ancora adolescente e ad oggi ancora ufficialmente inedita, affiora per la prima volta nel 1989 in una trasmissione tributo ai Beatles condotta da Red Ronnie. In questa occasione Nino, con evidente emozione e leggendo un fogliaccio scritto a mano, ci regala un’interpretazione sentita e ricca di pathos come solo lui sa fare, per questo assolutamente nelle sue corde.

Leggi anche:  Decibel - Punk (1978 - LP)

Ma l’interpretazione più pregna avviene senza dubbio qualche anno più tardi durante una puntata di Domenica In condotta da Mara Venier. Qui, insieme a Little Tony, Shel Shapiro e Maurizio Vandelli, Nino D’Angelo perde ogni freno inibitore e ci regala una strabordante interpretazione, adatta per ogni Natale da qui fino alla fine dei giorni, grazie alla vagonata di gorgheggi e vocalizzi che rendono l’apocalittico (ma pieno di speranza per il futuro) testo partenopeo quasi impossibile da capire. Poi sullo sfondo c’è un ragazzo di colore con un pizzetto biondo vestito da albero di Natale, che cosa si può volere di più?

Senza alcun dubbio questa canzone è il modo migliore con il quale la redazione di Orrore a 33 Giri potesse augurarvi un sereno Natale e un felice anno nuovo.

Gesù Crì

Sta furnenn’ u monn’
e nisciunu po’ fà nent’
dacce tu na mano
Gesù Crì

Parraci d’a strat’
addu’ a vita nunn’è chesta ccà
dacce n’atra luce
Gesù Crì

Gesù Crì, Gesù Crì,
Gesù Crì, Gesù Crì
torna n’atra vota
Gesù Crì

Dacc’ n’ato sole
dint’o jorn’ ca sta ppè venì
stappac’ o spummant’
Gesù Crì

salva sti criaturi
a sti mamme
stendime na mano
Gesù Crì

Gesù Crì, Gesù Crì,
Gesù Crì, Gesù Crì
torna n’atra vota
Gesù Crì

Gesù Crì, Gesù Crì,
Gesù Crì, Gesù Crì
torna n’atra vota
Gesù Crì

Sta furnenn’ u monn’
e nisciunu ancora po’ capì
dacce tu na voce
Gesù Crì

Parraci d’a strat’
addu’ a vita nunn’è chesta ccà
dacce n’atra luce
Gesù Crì

Gesù Crì, Gesù Crì,
Gesù Crì, Gesù Crì
torna n’atra vota
Gesù Crì

Gesù Crì, Gesù Crì,
Gesù Crì, Gesù Crì
dacce n’atra luce
Gesù Crì

Letture Consigliate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi