Home » Senti Chi Canta » Illustri Sconosciuti » Marcello Pieri – Femmina (1993)

Marcello Pieri – Femmina (1993)

Marcello Pieri FemminaIl nome dirà molto molto poco ai più. Eppure Marcello Pieri nel lontano 1991, aveva sfrucugliato la balle a tutta Italia col sexy tormentone “Se fai l’amore come cammini”. Impossibile dimenticare l’aulico ritornello “Se fai l’amore come cammini, cammina con me!”. Il brano rimase in classifica fino a metà 1992 a conferma che gli italiani hanno sempre avuto pessimi gusti musicali, e spalancando al cantautore le porte dell’Ariston (capirai… nella Categoria Giovani).

Pieri, sicuro di non sbagliare, prosegue il filone “donne con feromone selvaggio” felicemente inaugurato dal singolo precedente, scrivendo e interpretando con voce dal timbro vascorossiano “Femmina”, canzone dal memorabile incipit “Tu non sei bella, sei femmina”.

Tu non sei bella sei Femmina
Hai nello sguardo il sale
Ti distingui restando ferma
Un’aquila reale
Mi costringi a guardarti
Mi costringi a desiderarti
Tu non sei bella sei Femmina
Di quelle micidiali
Di belle sì ce ne sono in giro
Ne sono piene i giornali
Però mia cara c’è una differenza
É che del sale non se ne può far senza
Femmina, femmina
Tu non sei bella sei femmina, femmina
Dall’aria artistica
Femmina, femmina quando decidi di sì
Ci trovi sempre un perché
Femmina, femmina semplice e vera
Femmina, femmina falsa e sincera
Femmina, femmina
Tu non lo ammetterai mai che sei
Affascinata dai guai
E ogni volta che penso di averti finalmente capita
Tu mi sorprendi e riaccendi la partita
Femmina, femmina
Tu non sei bella sei femmina
La più pericolosa
Contraddizione odio e amore
Rivalità e passione
Mi costringi a guardarti
Mi costringi a desiderarti
Femmina, femmina
Tu non sei bella sei femmina, femmina
Dall’aria artistica
Femmina, femmina quando decidi di sì
Ci trovi sempre un perché
Femmina, femmina semplice e vera
Femmina, femmina falsa e sincera
Femmina, femmina
Tu non lo ammetterai mai che sei
Affascinata dai guai
E ogni volta che penso di averti finalmente capita
Tu mi sorprendi e riaccendi la mia vita
Femmina, femmina
Tu non sei bella sei femmina.

La canzone, nonostante fosse diretta dal maestro Stefano Pulga (mitico produttore tra gli altri del progetto disco-funk Kano), non si qualificò per la serata finale, ma d’altra parte quell’anno la giuria era priva di qualunque gusto perché analoga sorte toccò al sommo capolavoro “Caramella” di Leo Leandro.

È qui che finisce la storia della meteora Marcello Pieri e comincia il mito.

Dimostrazione vivente del biblico detto “gli ultimi saranno i primi” (ma calza a pennello anche la massima confuciana “alcune persone hanno più culo che anima”), il giovane Marcello viene misteriosamente ingaggiato per aprire i concerti italiani del tour di Bob Dylan. La leggenda vuole che fosse stato lo stesso Dylan a volerlo come supporter, ma finché non lo sentirò dalla sua bocca mi rifiuterò di crederci.

Negli ultimi anni il nome di Marcello Pieri è tornato alla “ribalta” legato alla triste scomparsa di Marco Pantani. Entrambi romagnoli, durante una cena in una pizzeria partorirono la malsana idea di scrivere un pezzo con il quale il grande campione avrebbe potuto realizzare il suo sogno nel cassetto: partecipare al Festival di Sanremo (d’altra arte c’è chi sogna di andare sulla luna… De gustibus). Nasce così “In punta di piedi”, canzone biografica sula vita del Pirata destinata a rimanere inedita e pubblicata dopo 7 anni sul canale YouTube di Pieri.

4 Commenti

  1. MARCELLO PIERI E’ SENZA OMBRA DI DUBBIO UNO DEI PIU’ GRANDI CANTAUTORI ITALIANI ED IN QUANTO TALE, OVVIAMENTE, NON VIENE COMPRESO DA CHI ANTEPONE LA PROPRIA ARROGANZA E LA PROPRIA IGNORANZA ALLA CURIOSITA’ E ALL’APPROFONDIMENTO.
    CARO COMMENTATORE DA QUATTRO SOLDI, COMINCIA A STUDIARE PRIMA DI PARLARE E NON NOMINARE CERTI ARTISTI IN VANO. NON NE SEI DEGNO…
    PERCHE’ NON PUBBLICHI LE TUE CANZONI ED I TUOI TESTI SE SEI CAPACE DI FARLO?
    SPIEGACI DA QUALE SPESSORE ARTISTICO PONTIFICHI, GRANDE MAESTRO!!!
    COME DIREBBE QUALCUNO: CAPRA! CAPRA! CAPRA!

  2. Non sarà uno dei più grandi ma di certo è piuttosto fuori luogo e diciamo “poco signorile” trattarlo come avviene in quest’articolo. I suoi testi non saranno quelli di de Andrè ma Pieri ha la indiscussa abilità di creare melodie piacevoli con una timbrica vocale particolarmente gradevole. È stato poi in grado di cimentarsi in diversi stili, dal blues al cha cha cha senza mai sfigurare.Su YouTube si trova parecchio.

  3. Un critico musicale come quello che ha scritto questa recensione non è degno di definirsi tale. Probabilmente tanto astio deriverà sicuramente dal fatto che Pieri si sarà scopato sua moglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi