Home » Senti Chi Canta » Illustri Sconosciuti » Mandrillo – Mr. D.J. (1977 – 7”)

Mandrillo – Mr. D.J. (1977 – 7”)

Mandrillo Mr dj vasco rossiMandrillo, vero nome Giancarlo Mandrioli, è un DJ atipico di Bologna che deve la sua fama al fatto di aver lavorato con Vasco Rossi all’epoca delle radio private quando il cantautore di Zocca cominciava timidamente a calcare i palchi minori della penisola.

Proprio in concomitanza del 45 giri di debutto di Vasco Rossi (“Jenny”) la stessa etichetta Borgatti mise a battesimo anche l’amico disc jockey Mandrillo. Due dischi apparentemente distanti anni luce, ma sotto sotto molto simili: il primo vedeva un timidissimo Vasco in veste di cantautore primissima maniera ben lontano dal rock chiassoso che verrà, il secondo invece era un brano di fredda elettronica. Due produzioni però gemelle perché di fatto musicisti e arrangiatori erano i medesimi, solo che per qualche strana ragione sul disco di Mandrillo vennero accreditati sotto bizzarri pseudonimi: Scandy (Stefano Scandolara – produzione), Tucano (Maurizio Solieri – chitarra), Gatto (Massimo Riva – basso), Betoten (Gaetano Curreri – tastiere e poi cantante e leader degli Stadio), Attila (Gilberto Rossi – batteria) e Wasto alla voce, ovvero Vasco Rossi in persona.

La presenza della futura superstar rappresenta il principale (se non l’unico) motivo di fama e di interesse collezionistico di questo singolo che si limita a una traccia di quattro minuti d’insano electro-pop, troppo lento per essere passato in discoteca e troppo cupo e ripetitivo per poter essere trasmesso in radio. Un ritmo non particolarmente veloce ma incisivo viene scandito con l’accompagnamento dell’oscuro moog di Curreri/Betoten, come fosse un brano tratto dalla scena clou di un poliziottesco nostrano o dalla colonna sonora di un film di Lucio Fulci. Il massimo della variazione è dato da una breve serie di percussioni esotiche fuori contesto e da una voce semi-distorta nel primo minuto in cui un riconoscibilissimo Vasco Rossi che in crescendo ripete ossessivamente “Hey Mr. DJ, this song is just for you…!”

Mandrillo Mr dj vasco rossi
Mandrillo e Vasco Rossi (al centro) nel 1977 a Radio Bologna Interational

[irp]

Il lato B è lo stesso tema senza particolari varianti, in tutta la sua oscura ripetitività. Di questo brano poi caduto nell’oblio non se ne farà più menzione alcuna e nessuno ne avrà ricordo (così come per gli altri dimenticabili singoli di Mandrillo usciti come Mandrillo and The Muppets Band o Gorillo’s Band) fino a quando pochi anni fa ritornò alla luce tramite alcuni mercatini di collezionisti, con gli occhi colmi di gioia per aver scovato un’inedita perla di Vasco Rossi inaspettata e assolutamente fuori dai canoni tradizionali.

Un perfetto esempio dello spirito anarchico del primo Vasco e della sua combriccola, di come nell’ambito delle prime radio molti DJ avevano un certo gusto nello sperimentare pur cavalcando l’onda della moda della disco al di là del risultato in sé e per sé.

1 Commento

  1. Chicca cosmic disco. Ricorda “Magic Fly” di Space e Splashdown di “Stratospheric Band”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi