Home » Terza Pagina » Approfondimenti » La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto

La sigla italiana di Lamù: un mistero irrisolto

La sigla italiana di Lamù un mistero irrisolto

Il caso della sigla italiana dell’anime Urusei Yatsura, meglio noto ai fan nostrani come Lamù, è uno dei grandi misteri della storia della musica italiana, forse secondo solo al caso Luigi Tenco: detta così può sembrare una battuta di cattivo gusto, ma il lavoro di investigazione amatoriale che ha tenuto impegnate decine di persone è reale, così come lo è il gigantesco e tuttora aggiornato topic sul tema presente dal 2003 sul forum del sito SigleTV.net (ma l’indagine vera e propria è partita nel 1998). E il silenzio che ricopre certi aspetti dell’indagine non ha di che invidiare a casi su argomenti ben più seri e noti al grande pubblico.

Torniamo indietro nel tempo nel 1983, quando la serie (parte di essa, in realtà) viene trasmessa per la prima volta su suolo italiano dall’emittente campana Telecapri. Sulle reti locali gli anime hanno conquistato da anni vasti spazi, ma la serie tratta dal fumetto di Rumiko Takahashi ottiene ben presto stuoli di appassionati, sia per l’aliena sexy in bikini e stivali tigrati, sia per essere qualcosa di totalmente diverso dai robottoni e serie sportive che allora imperversavano. L’adattamento italiano sostituisce le sigle originali giapponesi di apertura e chiusura con un’allegra melodia in versione sia cantata sia strumentale, il cui testo parla di amore e rapporti di coppia. La canzone si interrompe sul più bello (“e io tremo perché so…”), e chi volesse saperne di più resta a bocca asciutta: non solo la sigla non ha un titolo né altri credits al di fuori di un’oscura società, ma la stessa non è mai stata rilasciata sotto forma di 45 giri o in alcun altro formato.

Saltiamo a circa 15 anni dopo, alla seconda metà degli anni ’90, quando la nostalgia diventa un fenomeno di costume e le sigle televisive iniziano a essere considerate come reperti di chissà quale “età dell’oro”. Artisti quali I Cavalieri del Re o i Fratelli Balestra sono innalzati al rango di eroi nazional-popolari e contesi da trasmissioni televisive. Sorge però un “piccolo” problema per chi vuole invitare gli autori della canzone di Lamù: chi diavolo sono?

A questo punto i fan più intraprendenti iniziano a scartabellare l’archivio SIAE, e qui scatta un altro problemuccio (che fa rima con “tesoruccio”, come direbbe Lamù): esistono diverse canzoni registrate sotto il nome “Lamù”, ma nessuna di esse ha a che fare col cartone. Per di più, il frammento noto del testo non fornisce alcun rimando ai personaggi o qualsiasi altro elemento della storia. Gli intrepidi detective decidono quindi di risalire alla società citata nella videosigla, TBS (Telecapri Broadcasting System), cacciandosi in un ginepraio notevole. I rapporti tra società distributrici, detentori dei diritti e reti televisive in quegli anni pionieristici non erano infatti molto limpidi (famoso il caso di Gundam, trasmesso illegalmente nel 1980 da numerose reti locali senza l’autorizzazione della casa produttrice Sunrise) e i nostri iniziano a incontrare le prime resistenze.

Non solo le domande rivolte ai doppiatori di allora, ai proprietari di TBS, e giù giù fino ai montatori, segretari, fonici e magazzinieri, non portano a nulla o vengono bellamente ignorate, ma un altro elemento rende molto difficile procedere: come era consuetudine in quegli anni, le sigle venivano materialmente realizzate e montate da società terze, non dalle stesse che si occupavano di acquisire i pacchetti di diritti. E nessuno si decide a tirare fuori uno straccio di nome.  Che questa dannata sigla sia arrivata davvero dallo spazio, teletrasportata dall’UFO della bella extraterrestre?

La sigla italiana di Lamù un mistero irrisolto

Naturalmente no, anche se ogni successiva scoperta porta a muri di silenzio sempre più grandi. Procedendo per congetture, viene determinato che a occuparsi dei primi dieci episodi della serie fu la società romana Ricmon Sound, ormai non più in attività da circa vent’anni al momento delle indagini. Si trattava di una piccola azienda a conduzione familiare il cui presidente e montatore capo, Giancarlo Cadueri, era anche il padre di una delle doppiatrici, Monica Cadueri (Shinobu nella serie), allora nemmeno maggiorenne. Dopo essere stata contattata con difficoltà, in quanto ritiratasi a vita privata (e per di più il cognome Cadueri è uno pseudonimo!), la voce di Shinobu non ha saputo (voluto?) fornire nessun dettaglio importante riguardo al suo lavoro di allora. Altro dettaglio intrigante: il proprietario di Telecapri Costantino Federico si è poi dedicato alla politica, diventando sindaco di Capri e poi consigliere comunale, e per bocca del suo avvocato ha sempre affermato di non sapere nulla sulla sigla. Comportamento plausibile per un politico, ma in molti trovano sospettosa questa insistenza nel negare a tutti i costi.

Leggi anche:  Elio e le Storie Tese in concerto a Prato, Piazza Duomo, 05/09/2016

Intanto si cerca di verificare se le tonalità del cantante misterioso corrispondano ad altri artisti di livello: appare piuttosto chiaro infatti che si tratti di professionisti e non di strimpellatori improvvisati capitati alla Ricmon per caso, data la ricercatezza degli arrangiamenti. Per fare ciò, la canzone viene rallentata, accelerata, mandata al contrario, filtrata e analizzata più del filmato di Zapruder sull’assassinio di JFK. Così parte una nuova indagine a tappeto tra gli artisti che possono aver frequentato l’ambito cine-televisivo. Vengono tirati in ballo i nomi più disparati: da Peppino Di Capri a Johnson Righeira, da Vince Tempera a Shuki Levy, da Ivan Graziani a Valentina Locchi (la campionessa di Sarabanda con “l’orecchio assoluto”, che avrebbe potuto aiutare nelle ricerche). Tutto inutile. Alcuni, come il noto paroliere Luigi Albertelli, vengono talmente tormentati dai “fan” sull’argomento da sentire il bisogno di rispondere in questo modo.

La sigla italiana di Lamù un mistero irrisoltoAnche il tentativo di colpire i misteriosi autori nel portafogli finisce con un buco nell’acqua: con una mossa ai confini della legalità, Mirko Fabbreschi, frontman della cover band romana di sigle Raggi Fotonici, decide nell’ormai lontano 2007 di depositare in SIAE testo e musica della canzone a suo nome. A suo dire vuole stanare gli autori originali, dichiarando di cedere loro i diritti qualora dovessero farsi vivi, ma qualcuno esprime dubbi sulle vere motivazioni del gesto.

Come in ogni caso irrisolto, a un certo punto iniziano ad abbondare mitomani, troll e perditempo di ogni genere, ciascuno con le proprie bizzarre teorie. C’è chi si inventa una fittizia messa in onda su una rete polacca dove la sigla è stata trasmessa per intero, chi fabbrica il complotto di Zalisky Ippidemo (il fantomatico nome che si sentirebbe mandando al contrario la canzone, roba che neanche i messaggi subliminali dei Judas Priest), chi giura di aver sentito qualcuno cantare quella canzone dal vivo nei primi anni ’80 su qualche canale privato regionale. Il cantautore siculo Vincenzo Spampinato in un’intervista del 2011 mostra di voler procedere a “scottanti” rivelazioni sul suo coinvolgimento con la sigla, salvo poi lasciar cadere del tutto l’argomento.

Nonostante negli anni siano stati interrogati praticamente tutti coloro che avessero avuto a che fare con la serie, o anche più in generale con l’importazione di anime in Italia in quegli anni, è come se una tempesta perfetta avesse cancellato ogni traccia della maledetta sigla. Anche gli sporadici interventi di trasmissioni radio o televisive interessate al caso cadono nel vuoto, e al momento nemmeno la pagina Facebook Il mistero della sigla di Lamù (che ringraziamo per aver condiviso numerosi dettagli sull’indagine) sembra poter fare molto contro l’oscurità che avvolge questa simpatica melodia.

La sigla italiana di Lamù un mistero irrisolto
Vincenzo Spampinato è l’indiziato numero uno come autore della sigla di Lamù

A questo punto tutto è possibile, dato che siamo pur sempre nel paese di Ustica e del Mostro di Firenze. Vengono lanciate ipotesi vicine alla fantapolitica: il lavoro di un “pezzo grosso” della musica italiana che si vergogna di legarsi a qualcosa di “inferiore” come un cartone giapponese, il coinvolgimento del cantante con qualche grossa organizzazione criminale… Pare impossibile che al giorno d’oggi, con i mezzi a disposizione di tutti e le conoscenze accumulate in tre lustri dai cacciatori di rarità musicali e cine-televisive, non si sia nemmeno giunti a dimostrare se effettivamente esista una “versione integrale” della canzone. Eppure non si è più vicini alla risoluzione del mistero di quanto non lo si fosse 15 anni fa, e se qualcuno veramente ha voluto occultare le proprie tracce ci è riuscito decisamente bene. L’appello dunque rimane forte e chiaro: chi sa qualcosa parli, ogni minimo indizio è utile!

10 Commenti

  1. E’ chiaro che chi ha scritto ed eseguito questa sigla sia qualcuno che oggi non è più in vita e che, contemporaneamente, non abbia lasciato alcun tipo di registrazione, documentazione o testimonianza che potesse essere ritrovata dai parenti o da qualche appassionato.
    Altrimenti non si spiega come mai, dopo tutto questo tempo, nessuno si sia ancora fatto avanti….va bene l’omertà, ma non stiamo certo parlando di pentìti di mafia! Se Pupo ha ammesso senza problemi (e senza conseguenze) di aver comprato i voti di ben due festival di Sanremo, non si capisce perchè nessuna delle persone coinvolte in questa storia non possa dire nulla, come se rischiassero chissà quali grane legali. Ormai si tratta di una storia di più di 30 anni fa e, anche se saltasse fuori il vero autore, questo non potrà certo mettersi a pretendere le royalty arretrate per un brano mai depositato in SIAE.

    L’ipotesi più diffusa (e che sembra l’unica che possa giustificare questo silenzio) è che all’epoca quelli di Telecapri, per giocare al risparmio, decisero di utilizzare un brano che potesse già essere pronto nell’immediato e di cui nessuno potesse reclamare i diritti.
    E quindi scelsero un brano, che non centrava nulla, il cui autore/esecutore probabilmente era già morto o quantomeno si era già allontanato definitivamente dal mondo della musica.

    Ora la cosa può apparire curiosa e inspiegabile: possibile che nessuno dei suoi parenti o dei suoi amici abbia riconosciuto il pezzo sentendolo in tv? E gli altri musicisti della band?
    Bisogna innanzitutto ricordarsi che si parla di un periodo che va dalla fine degli anni 70 ai primi 80: i gruppi giovanili erano davvero tantissimi (quindi era estremamente facile pescare nel mucchio)….ma è anche vero che non funzionavano come oggi. Se oggi fondi un gruppo a 20 anni, a 30 probabilmente sei ancora lì che provi a cercare il successo, se non con loro, con un altro. All’epoca, se volevi formare un gruppo, avevi 2-3 anni di tempo….se questo non funzionava, lo scioglievi e ti trovavi un altro lavoro. E arrivato a 30 anni, con famiglia al seguito, magari nemmeno ne parlavi più, perchè ti imbarazzava ripensare a quando portavi i capelli lunghi, ti vestivi coi pantaloni a zampa e ti atteggiavi da rockstar.

    Pertanto immaginate di aver avuto un gruppo che abbia registrato questo brano tra la fine degli anni 70 e i primi 80. Immaginate che nessuno vi abbia mai dato retta e che abbiate sciolto la band. Se nel 1983 qualcuno ha deciso di ladrarvi il pezzo ed utilizzarlo come sigla di un cartone, probabilmente non lo sareste mai venuti a sapere perchè
    1) siete in un’età in cui non guardate più i cartoni animati (vi ricordo che stiamo parlando di un’altra epoca, non ragionate con la mentalità di oggi….)
    2) i vostri figli che ascoltano il brano, non sanno che quello l’avete inciso voi, perchè voi non glielo avete mai fatto sentire

    Nel frattempo passano gli anni, l’autore invecchia e non viene mai a conoscenza di questa siglia. O magari passa a miglior vita (sempre se, appunto, l’interprete non fosse già morto prima ancora del 1983)

    Chiaramente resta il dubbio riguardo tutti gli altri componenti della band. Ma un brano del genere potrebbe essere stato registrato da un solo musicista, così come da solo 2-3 persone, per i quali potrebbe valere lo stesso ragionamento di cui sopra. O magari l’autore utilizzò dei turnisti che, nel frattempo, si sono dimenticati completamente di aver registrato quel brano. In fondo, se oggi ci sono brani ben più noti di cui non si conoscono i musicisti che l’hanno suonato (es. il sassofono di The Gold Bug di Alan Parsons Project) non è poi qualcosa di così strano o raro.

    • Matteo Leoni

      E’ probabile che sia un pezzo già registrato e non legato al cartone animato, ma non tanto più vecchio del 1983-84 perché ci sono strumenti che prima di quegli anni non esistevano (probabilmente una Yamaha DX7: nel forum di sigleTV.net, linkato all’inizio, se ne è parlato approfonditamente)

    • Simone Antollovich

      Guarda, secondo me il cantante non salta fuori proprio perché è un turnista come gli altri strumentisti del brano. Dopo essere stato pagato per aver registrato la voce solista di questa sigla, ha fatto altri lavori e se ne è dimenticato non venendo nemmeno a conoscenza del mistero. A tal proposito ho pensato al corista Moreno Ferrara che ha una voce molto simile a quella della sigla. (Ho già ampiamente raccontato questa mia teoria a un admin della pagina sul mistero)

  2. Come è possibile che la sigla sia in versione stereo se l’unica fonte della canzone, e cioè il Master dell’adattamento italiano era mono.

    • Nel corso degli anni il brano è stato più volte ritoccato e modificato…addirittura ne circola una versione “estesa” (mi pare creata proprio da un utente del sito Sigletv.net) in cui la strofa mancante veniva ripresa dalla prima e poi ne veniva aggiunta una coda strumentale.
      Quindi non c’è niente di strano se qualcuno ha preso il canale mono e l’ha duplicato trasformandolo in stereo.

  3. Liam Lennon

    Una nota sulla dizione del cantante. In tutto il testo, il cantante, canta in perfetta dizione con accenti corretti tranne per le parole “sémpre” e “trémo” che da regole sono aperte, cioè: “trèmo” e “sèmpre”.
    Si potrebbe scremare la provenienza geografica del cantante concentrandosi su quelle regioni in cui “sempre” e “tremo” sono pronunciate chiuse. Anche quando dice “non ce n’è” la pronuncia del verbo essere è cantata un po’ troppo chiusa.

  4. Benché per qualche motivo si finisse poi per escluderla ad un certo punto salvo poi tornare forte, la risposta è o era a Telecapri e alla TBS. Nonostante le varie richieste però non è venuto fuori nulla. Chissà poi se avranno o riavranno qualcosa di scritto al riguardo.
    Sta storia ha comunque del paradossale. Pure la RAI ha utilizzato la sigla qualche anno fa come sottofondo a “Ballando con le stelle” con i bambini! Mah!
    La Cadueri non mi sembra sia stato contatta. Sapevo il padre ed il fratello. Comunque non penso che una società di doppiaggio centri con la sigla.
    Interessante il fatto della Yamato che nelle VHS mise il brano salvo poi sostituirlo per le uscite successive e le ristampe e non utilizzarlo mai più. Evidentemente qualcuno aveva chiesto qualcosa al riguardo o che altro e loro non sapendone niente l’ hanno cambiato con le sigle originali. Incredibile come l’ allora giovane società avesse preso sotto gamba questa cosa. Vabbé che siamo in Italia, il paese dei furbi. La stessa Telecapri ha continuato a trasmettere per alcuni anni Lamù anche dopo che la società milanese aveva tutto in mano! Vabbé che diverse TV locali da noi ne hanno fatte di cotte e di crude! La parola copyright nel loro vocabolario non esiste. XD Sic!

  5. L’ ideale sarebbe stato fare qualcosa ai tempi della trasmissione “macchemu” o più di recente nell’ ultima edizione di “Matricole e meteore”. In quest’ ultimo caso mi sembra che qualcuno ha inviato qualcosa, ma non ha ottenuto risposta. Non ricordo bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi