Home » Sesso, Risate e Follia » Sesso e Musica » Karen Finley – Tales of Taboo (1986 – 12″)

Karen Finley – Tales of Taboo (1986 – 12″)

Karen Finley Tales Of TabooMolte persone hanno problemi nei riguardi del femminismo; ancora di più ne hanno verso certi mezzi di espressione del pensiero femminista in sé. Per molti andare a protestare esponendosi nude in piazza non viene considerato un atto femminista, così come negli anni ’60 molti hanno ritenuto un fallimento il fatto che la donna sembrasse cercare maggiormente di apparire più “uomo” che poteva sottolineando le proprie mascolinità piuttosto che affermare una propria femminilità.

Qualcuno potrebbe dire la stessa cosa del disco “Tales Of Taboo” di Karen Finley, poetessa ed artista d’avanguardia che pubblicò questo disco d’esordio facendoselo produrre nel 1986 dall’amico Mark Kamins, produttore e DJ che pochi anni prima aveva fatto emergere agli occhi del mondo la sua fidanzata dell’epoca, un altro grande personaggio simbolo di emancipazione femminile e provocazione: Madonna Ciccone.

La canzone è una sincopata ed ipnotica base synth-pop dal ritmo post-punk, accompagnata dal testo parlato della Finley che mette in chiaro il discorso ed il pensiero dell’autrice prima che un ascoltatore impreparato possa cadere in “fallo”: “you don’t own me, bastard!” Precisando subito dopo con un “you fuckin’ asshole!” Seguono in parallelo alle variazioni armoniche della base una lunga sequela di insulti e di volgarità assortite pronunciate con una rabbia evidentissima e feroce: una denuncia spietata e letteralmente urlata in faccia contro l’ascoltatore medio, che si aspetta, secondo i classici canoni della musica pop commerciale ormai degenerata, continui e velati riferimenti al sesso quando non veri e proprio doppi sensi e sottili volgarità.

Qui la nostra Karen ha preferito urlare tutto il sesso possibile direttamente in faccia all’ascoltatore senza giri di parole, creando una situazione che potrebbe solo metterlo a disagio e farlo vergognare. Si vuole utilizzare il sistema della musica pop-dance al fine di rivelare il gioco e distruggerla dall’interno mostrando tutta la vacuità di significato, la perdita di qualità del prodotto musicale e la profonda misoginia dello star system musicale, anche e soprattutto nei testi del momento.

Karen Finley Tales Of Taboo

Non c’è bisogno di scorgere qualche ulteriore pretesa di significato: il testo non è altro che la richiesta più diretta possibile di essere soddisfatta da un uomo-oggetto umiliato in ogni modo. Il testo inoltre diventa ancora più spinto e come in una serie di insulti sciorinati in flusso di coscienza, ogni minaccia e volgarità sembra perdere alcun senso sfociando in un caos di immagini spinte indistinte e bizzarre, in particolare quando viene espresso un uso poco ortodosso delle gustose Belgian waffle con l’accompagnamento di un terzo nuovo personaggio. L’unica catarsi è il fatto che l’umiliatore si renda conto che anche per lui i ruoli possono invertirsi.

Giudicare questa canzone con gli occhi di oggi è praticamente impossibile considerando la forte presenza femminista nei mezzi artistici e di espressione (almeno fino ad un certo punto). Solo da quegli anni in poi sono cominciate a sorgere sensibilmente rispetto al passato tantissime altre denunce del maschilismo sotto le più diverse forme con numerosi altri casi di affermazioni di femminilità forte e consapevole; basti solo pensare alla stessa Madonna, al movimento delle Riot Grrrlz o più recentemente a Peaches o alle Pussy Riot.

Piccola nota: ovviamente del brano in questione sono stati fatti tantissimi remix e campionamenti, tra i più notevoli è da segnalare “Suck My Pussy” (1995) del progetto francese Pussy, la canzone da party definitiva.

Tales Of Taboo

You don’t own me, bastard
You fucking asshole
You wanna suck my pussy?
Well let me suck your dick
Suck your dick, bastard bitch
I wanna get your wiener in my ass
Well I’ve got your fucking cock
And it’s in my twat good
I’m not gonna give it up you piece of shit
You can’t own me like you have
Just start licking that little pussy juice
And maybe I’ll take that clit
Put it on your face, bastard
Put it on your mind
Get me off, get me off
Get me off right now
Let me tell you how I take the yams
I stick it up my granny’s ass
She’s a real, real nice granny
And I never touch her snatch
Cause she’s my granny
And I love her ass
I take those Belgian waffles
I smear it up her crack
And I put it up her butthole
Cause I love those Belgian waffles
And I’ll take that Belgian beer
Oh I’m cumming, oh I’m cumming
Get me off, get me off, get me off
Suck my nub, suck my nub
Suck my tits, suck my clit, suck my tits
I’ve got it
Oh mama mama you are sucking your granny
And you are fucking your sister too
And I’ve got those mulatto children
Sitting under my dress
Get me off, get me off
Get me cumming boy
I’ll suck your wiener for you
You don’t know what it’s like to be finger-fucked
You wish you could be a baby maker
Oh, you wish, you just wanna be fucked in your ass
But you’ll never know what it’s like
Cause I’ve got those multiple orgasms
And I’m cumming every night
Ooh, boy
Just suck me off, just suck my tits
Just get me going right
Make me a tit sandwich
Get me going right
I want my granny’s ass
I want me a twat
I want your wiener in my mouth
I want those wieners in my cock
I’ve got a cock too
It’s called a clitoris and you never knew what
Oh boy get me off, off too
I’m swimming in my piss
And I’m gonna shit in your ears
Oh shit boy, just shit in my mouth
Fuck me you bastard bitch
You don’t own me, let me whip your face
Let me piss in your mouth
Oh boy, I’m gonna shit on you
I’m gonna pull that cock, I’m gonna tug at those balls
Let me suck those balls
Gonna take a big brown hot steaming shit on you woman
I’m gonna make you cum
Oh boy, I’m on the subway with those bums and they’re just drinking my piss
Oh baby, I just want you
Oh baby get me off, get me cumming
Get me cumming, get me off, get me cumming…
Get me off, off, off
I’m swimming in piss, and sucking my tits
Get me off, granny granny
Suck me boy
You’re fucking your granny
And you’re fucking your girl
You wish you had a clit but you only got cock
Cum boy, cum boy
Get me get me off, get me off
Get me off, suck me boy
Got Belgian waffles in my twat
I got beer up my pussy and you never knew what
Cause I’ve got the clit
I’ve got the master action
And boy you don’t own me, not one bit
I’ll suck that cock, I’ll suck that wiener
You just listen here mister horse
Drop that ghetto blaster!
Suck me off, suck me off, suck me off

Letture Consigliate

Lascia un Commento

Rankie WordPress Plugin

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi