j-ax tre paperelleJ-Ax è un personaggio che continua a stupire: quando pensi che abbia toccato il fondo, ogni volta, invece di rimbalzare, comincia a scavare verso profondità inesplorate.

Dopo aver perso ogni credibilità nell’ambiente hip hop ha cercato di reinventare gli Articolo 31 come pessimo gruppo pop-punk-rap con risultati a dir poco risibili, ma amati dal pubblico meno esigente che chiede solo un motivetto stupido da canticchiare.

Intrapresa la carriera solista ha pensato bene di recuperare le sue radici hip hop, giusto per ricordare che lui era venuto prima di Fabri Fibra, e mischiare un po’ di quel rock di quarta mano dell’ultimo periodo passato insieme a DJ Jad che miracolosamente riusciva a vendere.

Tra il nulla assoluto che si respira nei solchi sonori del suo secondo disco solista intitolato “Rap N’ Roll” (roba che neanche tamarri come Limp Bizkit o Kid Rock hanno mai osato fare), il nostro riesce ad infilarci il classico brano killer grazie a “Tre Paperelle”, Irritante motivetto che sembra suonato dai Finley allo Zecchino D’Oro, non fosse per la presenza della misconosciuta Irene Vibora (frontwoman dei Viboras) che sembra scimmiottare un’imitatrice di Brody Dalle dei Distillers che canta un un brano delle Hole al karaoke.

La conzoncina mischia il topos della giovane innocente che arriva nella giungla cittadina e il solito attacco generico alla società moderna di J-Ax, roba che al confronto le ultime cose di quell’altro scappato di casa di Frankie Hi-Nrg Mc sembrano comizi politici inneggianti alla rivoluzione proletaria, ed è tutto dire. Almeno le rime e il flow ce le aspettavamo decenti, invece sembra tutto malamente improvvisato, roba tipo buona la prima. Insomma una patetica sbruffonata.

La vera tragedia in tutto questo non è il luna park sonoro messo insieme da J-Ax e i suoi amichetti, ma è la citazione di “Pretty Vacant” dei Sex Pistols proprio sul finale che fa salire il sangue alla testa con un desiderio irrefrenabile di prenderli tutti a calci in culo.

7 Commenti

  1. Per me il pezzo sembra una specie di mix infernale tra Avril Lavigne ed i Gemelli Diversi! Ti dirò comunque che la svolta punk-pop degli Articolo non mi è dispiaciuta del tutto:pezzi come Domani smetto o Noi no o 1972 non erano male!

  2. Si tratta sempre di servi del mercato, di "arte multinazionale" o del toast-spazzatura.
    I valori del rap originario sono stati azzerati dai riflettori di MTV e dei vari canali tematici.
    Tutto accade fino a che qualcuno non avrà la testa per reagire alla fogna in cui ci stiamo ficcando. J.

  3. ho appena scoperto questo sito… siete geniali…
    vabè, è un off topic… ma di j ax preferisco stendere un velo pietosissimo e non spendere parole…

  4. J-Ax è semrpe stato bravo nel suo genere, ma con questa canzone ha toccato disastrosamente il fondo. C'è da dire, a supporto di questo articolo, che quasi tutti gli album solista che ha fatto dopo lo scioglimento degli Articolo 31 sono un concentrato di canzoni impietose. Se volessimo raccogliere le migliori canzoni prodotte dal solo J-Ax non arriveremmo a fare nemmeno un doppo cd.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here