Home » Senti Chi Canta » Big della Musica » Franco Califano – Napoli (1994)

Franco Califano – Napoli (1994)

Franco Califano NapoliC’è davvero parecchia confusione in questa “Napoli”, canzone di Franco Califano del 1994.

Il cantautore romano è, da che mondo è mondo, l’emblema di quella Roma gagliarda, un po’ sbruffona, un po’ cafona forse, ma simpatica. E in quali panni si potrebbe mai calare il nostro Califfo? Ma certo! In quelli di un uomo che vive a Venezia. E che per di più sogna di trasferirsi a Napoli! Califano? Forse era a Venezia per girare un film con Tinto Brass… non c’è altra spiegazione.

Forse in preda ai postumi di una serata passata a inquartarsi di spritz il nostro, guardando la laguna di Venezia crede di vedere Napoli:

Guardo Venezia e vedo Napoli
sarà lo stesso mare malinconico
la cornice velata è quella
e la tela sbiadita come giù

Beh, in effetti come non confonderle… Ma sì, alla fine tutti i posti di mare si assomigliano, no?

Ma le parole successive non lasciano adito a dubbio alcuno: il protagonista del brano ha mangiato fegato alla veneziana avariato:

Gondoliere ti prego
accompagnami a Napoli
una gondola giuro
non corre pericoli
se si arriva dal mare
laggiù ti rispettano
dal mare si

Vivo a Venezia e penso a Napoli
più tempo passa e più è così
il mio pensare è un’abitudine
come un male che non mi passa mai
il pensiero consuma la strada per Napoli
e Venezia signora
mi offre i suoi vicoli
ma di più come può
qui non fanno miracoli
come a Napoli
a Napoli…

Grazie Venezia torno a Napoli
ma un pò di me lo lascio qui
e forse affiorano i miei limiti
sono un uomo che torna indietro
sono un uomo che vuol tornare giù
gondoliere verrà un pescatore da Napoli
la sua barca non è bella come una gondola
ma lui arriva dal mare
e tu allora rispettalo, è come te
a Napoli…

Leggi anche:  Max Pezzali/883 - Hanno Ucciso l'Uomo Ragno 2012 (2012 - CD)

A quanto ammonterà la tariffa per andare in gondola da Venezia a Napoli? Non vogliamo saperlo. E se andassi con un canotto mi rispetterebbero lo stesso? Mah… Fatto sta che alla fine Venezia riesce a liberarsi del Califfo. La cittadinanza ringrazia. In cambio del cantante, la cittadina lagunare riceve un pescatore.

Nel frattempo, in un’altra cittadina di mare, questa canzone arrivava ultima nella classifica finale del festival musicale indigeno. Peccato, perché il Califfo aveva pure ancora un po’ di voce a quel tempo.

C’è solo un’ultima domanda: nel verso in cui Franco Califano si rivolge a Venezia dicendo che se ne va ma “un po’ di me lo lascio qui”, a che cosa si starà riferendo?

Letture Consigliate

Lascia un Commento

Rankie WordPress Plugin

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi