Home » Sesso, Risate e Follia » Comica e Demenziale » I Figli di Bubba – Nella Valle dei Timbales (1988 – 7″)

I Figli di Bubba – Nella Valle dei Timbales (1988 – 7″)

I Figli di Bubba Nella valle dei TimbalesIl 1988 fu senza ombra di dubbio un’annata pregna di memorabili fatti: il trionfo di Massimo Ranieri con “Perdere l’Amore”, canzone tutt’ora in auge sotto le docce di tutto il mondo, il sesto posto di Mino Reitano con l’imprescindibile “Italia”, l’ennesimo secondo posto di Toto Cutugno, l’esordio di futuri big quali Biagio Antonacci e Mietta. Ma perché parlare di tutto questo quando posso dedicare il mio tempo a I Figli di Bubba?

Nonostante quell’edizione fosse tutt’altro che sottotono, nessuno li ricorda o cita mai. Forse perché la formazione era composta da emeriti sconosciuti? Mmm, vediamo… c’era un tal Mauro Pagani, un certo Franz Di Cioccio e poi i signori Enzo Braschi e Sergio Vastano… Meglio fermarsi un attimo. Delle quattro persone nominate finora, almeno due sono classificabili come monumenti viventi della musica italiana: Pagani e Di Cioccio, entrambi membri della PFM (Di Cioccio ne è a tutti gli effetti il fondatore) entrambi polistrumentisti, cantanti, geniali autori (e compositori tra le mille altre cose della splendida colonna sonora di “Attila Flagello di Dio”).

Braschi e Vastano non necessitano di presentazioni. D’accordo, la loro capacità di far ridere è sempre dipesa dalla quantità di negroni trangugiati prima di vedere una loro trasmissione, ma è impossibile parlare di comicità italiana anni ’80 senza nominarli. Aggiungiamo a questi quattro altri tre curiosi personaggi: Roberto Manfredi (scrittore, produttore e sceneggiatore) e i giornalisti Roberto Gatti e Alberto Tonti. Insomma, cosa ci si poteva aspettare da questo trust di cervelli? Beh, immagino qualcosa lontano anni luce da “Nella Valle dei Timbales”.

Per la verità,  dietro ad una melodia presa a prestito da “Tropicana” del Gruppo Italiano e un testo decisamente surreale, il brano è una critica allo yuppismo imperante, tematica molto ricorrente verso la fine degli anni ’80. La valle dei Timbales è un’isola felice, lontano dal logorio della vita moderna, dove Adriano Celentano non canta, non c’è la Carrà e non bisogna compilare un 740: praticamente un inno ai paradisi fiscali come le isole Cayman.

Dopo una vita di risparmi, di bot e cct
Io devo proprio riposarmi, andare via di qui
Fanculo all’esclusiva, fanculo alla tivù
Saluti a tutti quanti, non vi vedrò mai più
Andrò laggiù nella valle dei Timbales
Tra peones, marones, salmones, daiquiri e bon bons
Laggiù dove la femmina è procace
Vivace, mordace, fugace, vorace lo so
Laggiù senza il sette e quaranta, Celentano non canta
La Carrà non c’è più
Laggiù con le dita nel naso, le lenzuola di raso
E il mio amore Mariù
Mi mancherete tutti lo so
Chissà come farò senza la faccia di Andreotti
Non sopravviverò
Senza lasagne surgelate, la maschera antigas
Le ferie intelligenti, la turbo e l’ananas
Andrò laggiù nella valle dei Timbales
Tra peones, marones, salmones, daiquiri e bon bons
Laggiù dove la femmina è procace
Vivace, mordace, fugace, vorace lo so
Laggiù senza colpo ferire
Sdraiarmi a dormire
Laggiù con la man nella mano
A guardare lontano
Senza sapere perché
Laggiù con le dita nel naso, le lenzuola di raso
E il mio amico Tommaso
Laggiù senza colpo ferire
A sdraiarmi e dormire
E pensare un po’ a voi
Laggiù lontano lontano
Io vi passo la mano
E vi saluto ancora un po’.

Troppo poco demenziali per poterli considerare a tutti gli effetti colleghi di Elio e Le Storie Tese, troppo poco impegnati per considerarli un gruppo “serio”, troppo talentosi i componenti per fregiarsi almeno del titolo di gruppetto “meteora”. Forse è per questo che nessuno li ricorda? Che poi , ad essere onesti, in classifica si piazzarono quattordicesimi su un totale di 26 concorrenti. Più che onesto.

Leggi anche:  I Trettrè - Iammamare (1985 - 7")

Dopo sanremo il gruppo incise un album dal titolo “Essi”, la copertina strepitosa con taroccamento del logo Esso. Geniale. Dopodiché tutti tornarono alle cose a loro più congegnali: Pagani e Di Cioccio tornarono a fare i musicisti impegnati, Mafredi, Gatti e Tonti alla scrittura, Braschi si dedicò allo studio dei nativi americani e Vastano… boh… però qualche anno è finito all’Isola dei Famosi.

Dimenticavo di precisare che che il gruppo prese il nome dal giornalista sportivo di “90° minuto” Giorgio Bubba.

Un’ultima curisità per musicisti feticisti: Roberto Gatti, durante l’esibizione all’Ariston, suonava uno strumento chiamato “bubbafono”, un parallelepipedo di legno con pulsanti e manopole che emetteva suoni a casaccio, diversi a seconda della pressione esercitata con i polpastrelli. Di quello strumento ne esitono solo due esemplari al mondo quindi se scoprite che un vostro amico ce l’ha siete assolutamente legittimati a sottrarglielo con l’inganno!

Barbara Ghiotti

Letture Consigliate

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi