Home » Senti Chi Canta » VIP Canterini » Daniela Rosati – Discografia

Daniela Rosati – Discografia

Daniela Rosati discografia
Daniela Rosati ai tempi del matrimonio con Adriano Galliani

Se siete dei millenials probabilmente il nome di Daniela Rosati non vi dirà assolutamente nulla. Se invece come me siete dei 30 something, ovvero babbioni quasi quarantenni, non vi dirà comunque nulla ma magari… Vagamente… Potranno rammentarvi qualcosa programmi pseudo-scientifici come Naturalmente Bella e Medicine a Confronto, ideati e condotti dalla suddetta su Rete 4 tra il 1994 e il 1998, casualmente proprio negli anni di matrimonio con Adriano Galliani.

A pensar male sembrerebbe il regalo di matrimonio di amicizie importanti nel gruppo Mediaset più che la voglia dell’emittente di creare trasmissioni medico-scientifiche per casalinghe annoiate tra una televendita di materassi e una telenovela argentina. All’epoca queste trasmissioni in cui forse vi sarete imbattuti per sbaglio in qualche soporifero pomeriggio per conciliare la pennichella post-pranzo (l’unico utilizzo che io ricordi utile per Rete 4), ci insegnavano come scegliere le migliori cure per la prostata, o se fosse più afrodisiaco il sedano o la cicoria, o ancora come preparare i migliori intrugli antiossidanti creati dall’esperto di turno.

Sempre casualmente nel 1999, dopo esersi separata dall’amministratore delegato del Milan, ecco che passa a Rai 1 portandosi dietro il suo format che diventa Tutto Benessere e che conduce sino al 2005. In quell’anno infatti la Rosati, buddista praticante sin da giovanissima, subisce l’ennesima conversione religiosa, sulla scia di personaggi quali Claudia Koll e Paolo Brosio: “dopo aver toccato una reliquia di Santa Brigida ho percepito una luce che mi entrava nella testa, e dentro quella luce era contenuta la parola castità”. Riconvertita al cristianesimo diventa una suora laica dell’ordine delle Oblate dello Spirito Santo e si trasferisce in Svezia. Sì, lo so che sembra la trama di una puntata de Il Segreto, ma è tutto vero.

Daniela Rosati discografia
Daniela Rosati e la reliquia di Santa Brigida

In effetti dopo sei anni di matrimonio con Adriano Galliani io un po’ la capisco, ma che cosa c’entra Daniela Rosati con la musica direte voi? Ed eccoci arrivati al punto: la giornalista-conduttrice ha sempre avuto velleità di cantante, incidendo uno straordinario duetto con Mino Damato, scomparso giornalista Rai, e nel 1995 un album per la RTI Music (sempre casualmente etichetta discografica di proprietà Mediaset). Ma procediamo con ordine.

Daniela Rosati discografiaL’album dal titolo “Allo specchio” è in linea con le “maggiori” produzioni a basso costo dell’etichetta, che annoverano personaggi del calibro di Pamela Prati, Ambra Angiolini, Pamela Petrarolo, Lorella CuccariniMassimo Bozzi, Massimiliano Cattapani e l’opera omnia di Stefano Zarfati.

Gli arrangiamenti toccano un livello di pressappochismo decisamente commovente anche per i tempi, degni della migliore serata karaoke di Misano Adriatico, roba che in confronto l’album di Alba Parietti sembra prodotto da Diplo. Tra i vari brani “Dimmi” si distingue per liricità evocativa: una donna manda segnali telepatici al suo compagno morto, chiedendogli se, anche dall’aldilà, lui la ami ancora; tema quanto mai profetico, che lasciava in qualche modo presagire la conversione mistica successiva.

La title track “Allo specchio”, firmata addirittura da Giorgio Mastrota, nella sua unica (spero) esperienza musicale come autore, racconta di una donna ormai attempata che fa i conti con il trascorrere del tempo e con il prolasso delle sue carni. Soprassederei sulla bruttezza della cover di “Anema e core”, per quanto dei cori doo woop in un classico napoletano appaiono quasi come un lampo di genio, in un disco che ha avuto solo il merito di apparire e sparire con ammirevole rapidità.

Tracklist:
01. Allo specchio
02. Nell’anima
03. Dimmi
04. Tutto quello che volevo
05. Per questa terra che fu
06. Anema e core (Tito Schipa cover)
07. Nei viaggi del tempo
08. Vorrei ma non ci sei
09. Il segreto

Daniela Rosati discografiaDiscorso a parte merita il duetto con Mino Damato sulla canzone “Gli occhi dei bambini” sempre del 1995 che, come recita l’intestazione del singolo, ci invita a una riflessione inderogabile: “Avete mai guardato veramente gli occhi dei bambini?”. La canzone composta da Stefano Rosso e prodotta da Stefano Micocci non è altro che la sigla di chiusura di Medicine a Confronto cantata, oltre che dal duo Rosati-Damato, anche dalla piccola Andreia, bambina rumena malata di AIDS adottata dal giornalista e morta nel 1996. Il singolo aveva quantomeno il nobile scopo di raccogliere fondi per il completamento del padiglione pediatrico-infettivo dell’ospedale di Bucarest, ma considerata la rarità del disco in qustione non credo che la campagna di raccolta fondi sia andata particolarmente bene.

Esorto quindi la signora Rosati a pubblicare il tanto atteso follow up, magari un concept album su Santa Brigida in svedese, inciso con il coro delle suore Oblate dello Spirito Santo. Se dobbiamo sognare… sogniamo.

Claudio Suriano

4 Commenti

  1. La Rosati- puro gossip integrativo- negli anni Mediaset era soprannominata ‘Danielita’, ispirato a Evita, per il caratteraccio impositivo; va notato inoltre che in qualche puntata si esibì come musicista- parola grossa- alla batteria, rivelandosi discretamente pestona, e in un’occasione rifece ‘Smoke On The Water’ insieme a Umberto Smaila! Spero con tutta l’anima che il filmato non esista più….

  2. Andrew Trashcup

    Con “Anema e core” partecipò anche a “Viva Napoli”, una gara di cover di canzone classiche napoletane trasmessa da Canale 5 e presentata da Mike Bongiorno e Massimo Lopez. Per l’occasione, duettò con Fred Bongusto. La coppia arrivo in finale.

  3. Va bene tutto, ma dico: quando un disco è prodotto da un “colosso” come Mediaset, DIECIMILA LIRE da dare a un VERO suonatore di armonica a bocca gli mancavano? Non esiste nulla di più fastidioso che sentir simulare uno degli strumenti musicali più economici e facilmente reperibili al mondo, per di più già nell’introduzione (il che lascia subito intendere la povertà della produzione).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi