Home » Senti Chi Canta » Illustri Sconosciuti » Carlotta – Frena (2000 – singolo)

Carlotta – Frena (2000 – singolo)

carlotta smack frenaNon ci sono più le mezze stagioni. Ai miei tempi sì che si stava bene. Si stava meglio quando si stava peggio. Tutti luoghi comuni più o meno fondati che fanno leva sulla classica nostalgia per il passato che caratterizza ciascuno di noi man mano che il tempo passa. Personalmente non saprei giudicare se quindici anni fa si stesse meglio di adesso, ma una cosa è certa: quindici anni fa ad ogni estate corrispondeva un tormentone e, lasciatemelo dire, a quei tempi i tormentoni li sapevano fare bene!

Il pezzo recensito oggi è uno di quelli: “Frena” di Carlotta, canzone che sicuramente ognuno di noi ha canticchiato di malavoglia e ossessivamente nella propria mente, magari dopo averla captata per caso sull’autoradio della ragazza (perché la nostra era rigorosamente sintonizzata su emittenti d’altro tenore, tipo DiscoRadio o Radio Italia Network, per intenderci), o facendo zapping tra i vari canali, dove il pezzo appariva come colonna sonora di una pubblicità progresso sulla guida sicura.

Gli ingredienti da tormentone c’erano tutti: Una cantante belloccia, un video un po’ anime tutto colorato, un motivetto strimpellato in maniera molto semplice ma vivace ed accattivante (diciamo così); un testo di una semplicità lessicale imbarazzante e una leggerezza adatta al tema, che richiamava luoghi comuni del viaggio, come il maggiolone un po’ scassato (“Maggiolone terza mano messo a nuovo da te / di benzina ce n’è”), il traffico (“Attenzione deviazione c’è una frana o chissà / lavori in corso più in là”), i bisognini da fare all’autogrill (“Guarda che c’è un bar aperto dai fermiamoci qui / devo fare pipì”), il conseguente pit-stop tecnico con rifornimento (“Togli intanto i moscerini al parabrezza se vuoi / io prendo dei pop corn per noi”), il fidanzato “che guarda il culo di quella dietro”, per parafrasare Jake la Furia (“Là c’è una ragazza quasi nuda e tu cosa fai / guarda la strada ma dai”), la love story che fa da contorno (“non lo so com’è / ogni cosa prende senso se tu stai con me”). Detta così sembra quasi la recensione di un racconto alla Jack Kerouac, e non di “Frena” di Carlotta. Ci pensa però il ritornello a riportare tutti in una dimensione più prosaica: composto mescolando citazioni colte da Gino Paoli e topoi dell’estate media italiani, tenendo fede alla tradizione dei tormentoni si imprimeva nella testa in maniera ossessivo-compulsiva, portando lo sciagurato uditore a ripeterlo mille volte in qualunque momento della giornata, da mane a sera.

Leggi anche:  Andreani - Ti Voglio Bene (e Non Ci Posso Fare Niente) (2000 - singolo)

Frena,
che voglio andare al mare frena,
dai gira per il mare ho voglia di sentire sulle labbra il sapore
del sale far l’amore con te
frena,
che voglio andare al mare frena,
dai frenami sul cuore ho voglia di nuotare e di sdraiarmi sulla
sabbia col sale sotto il sole con te

Forse non siamo ai livelli di Sole Cuore Amore, ma ci andiamo molto vicini; non a caso, nell’estate del 2000 il pezzo spopolò ai massimi livelli: Carlotta si aggiudicò il premio giovani di Un disco per l’Estate, battendo l’agguerrita concorrenza di Mariadele e dei carneadi Stragà e Quattrocentocolpi, catalizzando l’attenzione della Citroen per uno spot televisivo ma, soprattutto, del Ministero per la Salute, che scelse il ritornello come jingle di una pubblicità progresso sui rischi della guida spericolata. Questo nell’anno 2000. Quindici anni più tardi, il tormentone del 2015 (se così lo possiamo chiamare) è stato il brano di un quarantacinquenne che dopo 20 anni sta ancora in televisione a chiedere di legalizzare la ganja, accompagnato da un ritornello che fa “Tetraidro-rivoluzione”. Con tutto il rispetto che ho per J-Ax, forse i luoghi comuni avevano ragione…

Letture Consigliate

4 Commenti

  1. perchéééé???? Perché avete rispolverato questo abominio??? Quell’estate i miei genitori non facevano altro che cantarla!!! Poi ricordo che il video (imbarazzante è dir poco) fu trasmesso pure al Tg1! Sicuramente in un qualche servizio der Mollicone (Vincenzo Mollica)!

  2. Gianfredo Konig

    Boh, non mi pare un abominio, devo dire che ho visto il video per la prima volta proprio ora e non mi sembra nemmeno il caso di chiamarla “belloccia” visto che non mostra culo ne tette e mi sembra una persona normalissima e dall’aspetto normalissimo, semplice. (cmq il video ha gli effetti speciali troppo alti) Il pezzo é molto ben fatto, (questo lo ricordo da allora) lei ha una preparazione jazz e si sente da come é impostata e da come tiene il tempo. Un pezzo leggerissimo, che mette il buon umore, fatto per quel target e molto ben riuscito, senza chissá quali altre pretese. Non ho vissuto la sua fase tormentone perché in realtá lo ascoltavo solo in attesa di qualcos’altro in radio e non ho mai conosciuto nessuno che lo sapesse nemmeno. Considerando target e progetto, le do un bel 9 invece.

  3. A me invece non dispiaceva affatto il tentativo (ovviamente naufragato) di darle un’immagine più sexy e adulta, con tanto di fisico seminudo e testo mezzo in francese, “Caresse Toi”: https://www.youtube.com/watch?v=AMdyJeKpxgM

  4. Sinceramente a me questa canzone all’epoca faceva venire il sangue cattivo. Era chiaro come fosse stata scritta apposta per un pubblico ignorante da gente che si credeva migliore, per spremere il denaro ai gonzi e basta (e ci sono riusciti). Non ha la freschezza di una vera canzone trash. “Unfunny forced meme” si direbbe, in altri ambiti.

Lascia un Commento

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Per accettare clicca su OK o prosegui la navigazione in altra maniera. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi