30 aprile 2012

AA.VV - Dance Italia (1993 - CD)

AA.VV - Dance ItaliaAlla domanda “cosa resterà degli anni ‘80” è stato ampiamente risposto, ma su quello che resterà degli anni ’90 il dibattito rimane aperto, quanto meno fino al momento del revival selvaggio che, prima o poi, arriverà inesorabile come la pioggia radioattiva dopo un esplosione nucleare.

Questa compilation “Dance Italia” non è la solita raccoltuccia di successi come tante altre, piuttosto è un piccolo “souvenir d’Italie” di una piccola etichetta di un piccolo stato.
Era il 1993 e la misconosciuta Baur Music nella piccola comunità svizzera di Geroldswil (circa 4500 anime) decide di importare nel paese del gruviera una manciata di hit d'italica provenienza.

Ottima idea, però il budget non permette il lusso di avere un’ora filata di successi, quindi come fare?

Nel frattempo che gli svizzeri si spremevano le meningi, il solito genio italico si era già messo all’opera, tra il serio ed il faceto, per mano di Salvatore Cusato: prendiamo un paio di super hit (“Fiky Fiky” del "maestro" Gianni Drudi e “Tocca Qui” degli Articolo 31), ci aggiungiamo una manciata di brani radiofonici più o meno faciloni (dal “Senti Come Puzzi” delle Teste Sciroppate a “Non Ho Più La Mia Città” di Gerardina Trovato, passando per “Affitta Una Ferrari” intonata dai Niù Tennici).

Tutto questo non basta, quindi ci aggiungiamo un paio di nuovi remix di vecchi successi riempipista (“Figli Delle Stelle” di Alan Sorrenti e “Ma Quale Idea” di Pino D'Angiò), se poi non riusciamo proprio a permetterci l’originale facciamone una nuova versione casereccia (ecco serviti “Hai Maria” di Rino Gaetano e “Bollicine” di Vasco Rossi, qui proposte in versione dance rispettivamente da Modello Nr.4 e Gianni Bragante che si spaccia, oibò, per il rocker di Zocca in persona).

Per la mezz’oretta rimanente, nessuna paura: raccattiamo tutto quello che gli altri non vogliono, un fetentissimo remix di “Brutta” di Alessandro Canino, i Tretriti con il loro contro-successo “E' Vivo L'Uomo Ragno” e 4 brani assolutamente sconosciuti, tanto gli svizzeri non se ne accorgono neppure.

E così fu. La compilation, distribuita per il mercato germanico, ottenne un buon successo, tanto che, con sprezzo del pericolo, fu ristampata, senza grossi cambiamenti, nel 1996; probabilmente per la gioia degli emigrati leccesi a Dortmund che potevano respirare aria di casa sulla loro Alfa Romeo rossa, con il cagnolino che muoveva la testa, il gonfalone a ventosa nel vetro posteriore con la foto di Maradona e l'adesivo enorme di “I” di Italia appiccicato al paraurti posteriore.

La cosa più interessante di questo sottoprodotto per emigranti o per tedeschi che volevano assaporare un po’ di Italia, sono proprio i brani mano noti del lotto.
Tralasciando l’inutile “Sto Volando Con Te” dello stesso Cusato, la tripletta rimanente è il vero cuore pulsante della raccolta: Pino Campagna con la sua “Di Pietro Let's Go” sorta di inno a “Mani Pulite”, Nasty D. con la misogina “Tatiana è...”, un perfetto mix tra il rap veneto di Slang e i testi più diretti di Fabri Fibra, per finire alla grande con il “social rap” partenopeo degli AMNK che con “O' Cellulare” dipingono maldestramente l’italia di allora su una base rubata, senza vergogna, agli House Of Pain: manager miliardari, crisi economica, debito pubblico galoppante, corruzione e la filosofia del “mostro ergo sum” (in questo caso il telefono cellulare) ereditata dalla yuppismo anni ’80. Tragicamente a distanza di 20 anni tutto questo suona tristemente attuale.

Tracklist:
01. Gianni Drudi - Fiky Fiky
02. Niù Tennici - Affitta Una Ferrari (radio remix)
03. Pino Campagna - Di Pietro Let's Go (remix by Elvio Pieri)
04. Nasty D. - Tatiana è... (extended version)
05. Alan Sorrenti - Figli Delle Stelle (Dragon Fly remix)
06. Cusato feat. Latte Miele - Sto Volando Con Te
07. Alessandro Canino - Brutta (Brutta remix)
08. Gerardina Trovato - Non Ho Più la Mia Città
09. Modello Nr.4 - Ahi Maria (Rino Gaetano cover)
10. Raffaella Carrà - Rumore (Italian remix)
11. Teste Sciroppate - Senti Come Puzzi (techno version)
12. Tretriti - E' Vivo l'Uomo Ragno (techno version)
13. Articolo 31 - Tocca Qui (radio version)
14. Pino D'Angiò - Ma Quale Idea (Italian remix)
15. AMNK - O' Cellulare
16. Vasco Rossi (Gianni Bragante) - Bollicine (Gianni Bragante club mix)

Questo articolo è dedicato alla memoria del nostro amico Salvatore Cusato.

2 commenti:

Comincio a capire perchè quando gli italiani vanno in Svizzera o in Germania vengono presi per coglioni.
Se questo è quello che conoscono di noi...

Che poi Pippo Pollina sia infinitamente meglio di Omar Pedrini, beh... queso è fuori discussione.

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.