25 gennaio 2012

Gatto Panceri - Alla Prossima (Lullaby) (2003)

Gatto Panceri - 7 ViteLa storia delle cover italianizzate di successi stranieri è vecchia almeno come il rock'n'roll. Se solo dovessimo elencare tutti i gruppi nostrani che negli anni '60 hanno tentato la sorte sulle note di composizioni anglofone debitamente riadattate per il mercato locale, probabilmente non ci basterebbe una vita.

Con la globalizzazione del mercato discografico questo "vizietto" ontologico del rock-pop tricolore non è mai scomparso del tutto, trasformandosi però da scorciatoia per il successo nei juke box a sorta di "Caporetto annunciata", tranne poche, pochissime eccezioni: il Blasco che "vaschizza" i Radiohead, Fiorello che recupera gli Scorpions, Scialpi in versione gainsbourghiana, Gino Paoli novello John Lennon, Marco Masini che gioca a fare il metallaro e via dicendo (per tacere del prolifico Cristiano Malgioglio).

Oggi è la volta di Gatto Panceri che, oltre a poter vantarsi di aver scelto uno dei nomi d'arte più ridicoli della storia del pop italiano, ha avuto le palle di andare a ripescare la gloriosa "Lullaby" di Robert Smith e soci.

Visto che questo sarebbe scontato, il nostro felino del pentagramma non solo decide di riverniciare questo successo nella lingua tanto cara al nostro Dante, ma, come se questo non bastasse ha la geniale trovata di "impreziosire" il brano dei Cure imbastardendolo con un ritornello scritto per l'occasione.
In fin dei conti per uno che ha scritto canzoni per Mina, Giorgia, Andrea Bocelli, ma anche per Dennis "Saranno Famosi" Fantina, Luisa Corna e il mai domo David Hasselhoff, questa è una bazzecola.

"Pimpulu Pampulu Parimpampù" (cit.) et voilà come per magia il brutto sogno della ninna nanna horror di Robert Smith svanisce per fare posto ad una più concreta crisi relazionale lui-lei post rapporto amoroso, dove il nostro con la proprietà di linguaggio di uno scafato autore ci piazza un testo di assoluto spessore, con tanto di rima giovanilistica "fermata / menata" che non può non farsi apprezzare come un diamante grezzo in questo ben di Dio:

Alla prossima...fermata... io scendo giù
Alla prossima ... menata... che mi fai ...
Ormai lo sai ... che non ci casco più!

Non male, non male davvero. Più che un rapporto agli sgoccioli sembra una scenetta da avanspettacolo tra un capotreno e un passeggero pizzicato con il biglietto non timbrato che cerca di ammontare patetiche scuse del tipo, "l'obliteratrice mi ha rubato il biglietto", "avevo la valigia pesante", "lo giuro l'avevo timbrato, ma si è scolorito", "mi sono perso".

Ancora una volta ci chiediamo: perché tutto questo? A Gatto l'ardua risposta.

Alla Prossima (Lullaby)


Alla Prossima - 7 Vite

Alla Prossima

La prossima volta...cerca di essere più dolce
urla agita le braccia... ma non mi sputare in faccia
la prossima volta...se capiterà
non calunniarmi ferocemente...
per condizionare la gente

voglio capire se c’è un’altra opportunità
o perlomeno uno straccio di probabilità
per risanare un comune senso del rispetto
ma c’è una cosa comunque che non ti ho mai detto
m’hai deluso... lo sai
m’hai confuso... più che mai

alla prossima...fermata... io scendo giù
alla prossima ... menata... che mi fai ...
ormai lo sai ... che non ci casco più

alla prossima...se ci sarà

la prossima volta ... che parli male di me
guarda bene con chi lo fai
ho molti più amici di te
voglio capire se c’è qualcuno contro di me
che ti ha plagiato la mente io lo so com’è che va
la cosa più brutta non è un fiore che appassisce
ma una radice profonda che si inaridisce
m’hai deluso... lo sai
m’hai illuso ... più che mai

alla prossima ... fermata ... io scendo giù
alla prossima .. menata ... che mi fai ...
ormai lo sai ... che non ci casco più
alla prossima ... fermata... se ci sarà
alla prossima...
io vado a dormire in un albergo ...
e non sarai tu a svegliarmi

lo senti il mio dolore ... che scende dalle scale ...
poi vaga per le strade
poi prende l’ascensore ... ritorna nella mente ...
diventa consistente
alla prossima ... fermata
io vado a dormire in un albergo ...
e non sarai tu a svegliarmi
(capricci da bambina impertinente)
m’hai deluso ... (alla prossima ... fermata)
io vado a cadere in un letargo ...
(attratta da un castello fatiscente)
non voglio più scongelarmi
fino ... alla prossima!!!

7/Blogger
/Facebook

7 commenti:

..... A certa gente dovrebbero dare la DASPO per le sale di incisione.....

Mah, più che una cover di Lullaby sembra un plagio della sola parte strumentale. Della melodia originale (mi riferisco al cantato) non è rimasto nulla, è come usare la base musicale dei Cure e cantarci sopra un'altra cosa. Il testo è raccappricciante, soprattutto il ritornello aggiunto...

Se non ricordo male nello stesso album è presente anche una cover del brano di seal "kiss from a roses" e poi ha realizzato anche una versione che esegue solo ai live di un pezzo di cindy lauper..
comunque gatto è uno dei migliori cantautori italiani..
massimo rispetto..

Minibivo

Cindy lauper???????????????
E cosa coverizza di grazia

Se non ricordo male era "true colors"

Minibivo

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.