15 luglio 2009

Lino Banfi e Amedeo Minghi - Sotto l'Ombrellone (2005)

Lino Banfi e Amedeo Minghi - Sotto l'OmbrellonePer la serie coppie impossibili sotto lo scudo spaziale chiamato beneficenza, eccoci finalmente a parlare di uno dei dischi più imbarazzanti in cui possiate imbattervi, soprattutto per i nomi dei protagonisti. Talmente imbarazzante che fa quasi tenerezza.
Di cosa stiamo parlando? Dell'album scritto e pensato dal mestro Amedeo Minghi (le musiche) in coppia con un senile Lino Banfi (i testi) in veste di "Nonno Libero" pubblicato a favore dell'Unicef.

I due, con sconvolgente nonchalance, sono riusciti a mettere insieme una manciata di brani da KO tecnico alla prima ripresa, i quali nonostante ripetuti ascolti non riescono a fugare il dubbio sul "ci sono o ci fanno".
Forse proprio per l'operazione a favore dell'Unicef le canzoni hanno un taglio inequivocabilmente per un pubblico di giovanissimi, ma ascoltando una ad una le 10 tracce questo intento non sempre appare chiaro, sfociando in più di un'occasione in brani (tragi)comici.

Sono proprio le canzoni strettamente per bambini come "W il Bagnino", "Senza il Cellulare", "Il Ballo della Panza", "Benedetto Maledetto Mare" e la patetica "Smile Children" i momenti nettamente più noiosi del progetto, mentre le canzoni maggiormente borderline risultano essere gli episodi più stuzzicanti anche perchè sono disseminati di citazioni banfiane che solo il pubblico adulto può cogliere ed inoltre senza usare troppa immaginazione possiamo notare inaspettati richiami "homo".
La title track, nonchè singolo trainante, è un po' la cartina tornasole di quello che ci si deve aspettare: un tuffo nel kitch più puro con brani senza pretese, volutamente trash, ma anche no, come dimostra il terrificante videoclip.

Nonostante Lino Banfi sia anni luce lontano dai suoi antichi fasti non solo cinematografici, ma anche musicali, riesce comunque a rivitalizzare un imbalsamato Amedeo Minghi che mostra coraggiosamente un suo lato inedito, ovvero quello dell'italiano medio che aspetta l'estate per farsi una sana scorpacciata di vecchie commedie sexy all'italiana rigorosamente in seconda serata, in compagnia di Alvaro Vitali, Renzo Montagnani e le immancabili cosce di Edwige Fenech.
Amedeo Minghi uno di noi!

Tracklist:
01. Sotto l'Ombrellone
02. Bagnasciuga
03. W il Bagnino
04. Lo Spaghettino
05. Faimedesimototalequaleame
06. Senza il Cellulare
07. Oronzo Canà
08. Il Ballo della Panza
09. Benedetto Maledetto Mare
10. Smile Children

Amedeo Minghi & Lino Banfi - Sotto L'Ombrellone

4/Blogger
/Facebook

4 commenti:

Non so. Forse i discografici pensano che chi fa beneficenza è un cretino. Me lo sono chiesto spesso.JJ

caro John, io comincio a crederlo sul serio

Il videoclip è tenerissimo, sembrano una coppia omosessuale consumata.

i richiami homo sono proprio la cosa più bella del disco

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.