Rubix - The Party (1988 - 12'')

Rubix - The PartySe pensate che la moda, o sarebbe giusto dire la mania, della dance in italiano dai richiami esplicitamente espliciti sia nata negli anni '90 dovete fare un passo indietro di qualche anno, precisamente alla fine degli anni '80 quando il produttore Roberto Zanetti (che da lì a qualche anno confezionerà hit per Ice MC, Double You e robaccia come "Baila Morena" per Zucchero) sotto lo pseudonimo di Rubix ci regala un bel "pacco d'autore" coverizzando la contemporanea "The Party" dei Kraze , successo da dancefloor che verrà ripreso con molto più ingegno anche da Francesco Salvi in "C'è da Spostare una Macchina".

Che cosa c'è quindi di tanto memorabile? Bhè c'è che accanto all'inutile versione inglese sono state incise anche una "Italian Version" e una "Sexy Version"; ironicamente la seconda versione, che sulla carta dovrebbe essere più piccante, non è altro che una sagra di gemiti campionati da gatta morta, ninfomania troppo artificiosa anche per un film con Lino Banfi ed un brutto tormentone "io ti farò morire, sai?", insomma tanto riumore per nulla.

La versione italiana riserva le sorprese più succulente, esordendo con la palese citazione jovanottiana "è qui la festa?" (siamo nel 1988) proseguendo con un italiano stentato degno della migliore Heather Parisi ("Quanta gente c'è stasera? Saranno un migliaia!") per condurci, è proprio il caso di dire per mano, al refrain-tormentone "e non toccarmi il culo, dai!" che suona tutt'altro che puritano, ma che anzi sembra incitare l'ignoto palpeggiatore ad accompagnare la ragazza a fare un giro nei bagni della discoteca.

Il brano è di rara pochezza ed inutilità, ma sembra che basti mettere una cassa bella grassa, una fanciulla che delirii al microfono qualche cosa con qualche richiamo sessuale ed il successo è assicurato.
Certo i tamarrissimi Art of Love erano di tutt'altra pasta, ma anche questo brano ha i suoi momenti di disgustoso delirio.

The Party (Italian Version)








The Party (Sexy Version)








Rubix
CONDIVIDI
    Commenti
    Commenti via Facebook

9 commenti:

  1. Ricordo che sul retro copertina dei dischi di Double You veniva menzionato "Robyx": è lo stesso personaggio?

    >FrankDee<

    RispondiElimina
  2. in quegli anni lavoravo in una radio locale, e ricordo che quello fu solo l'inizio di una serie di pessime uscite, la gran parte targate Discomagic, dove il motivo ricorrente era lo stesso, quello che cambiavano erano le voci, ovviamente fake di Benigni, Boldi e non ricordo più chi altro.
    Anni veramente austeri per la dance italiana, senz’ombra di dubbio

    RispondiElimina
  3. per non parlare degli inizi di un certo Panariello che appariva non accreditato mi pare proprio un dischi targati Discomagic

    RispondiElimina
  4. pensa che una quindicina di anni fa il capoccia della discomagic ha avuto il cattivo gusto di denunciare Rumore per diffamazione, proprio a causa di un articolo dove si definiva un certo tipo di musica dance trash "alla Lombardoni"

    non so se abbia commesso più crimini Cecchetto o lombardoni

    RispondiElimina
  5. anche Simonetti ha le colpe

    RispondiElimina
  6. si, ma almeno Simonetti coi Goblin qualcosa di figo lo ha fatto.
    comunque, tornando a Lombardoni, oltre a produrre quel tipo di spazzatura, era solito a prendere la hit del momento e rifarla "in proprio" usando voci che assomigliavano all'originale e inserendola nelle innumerevoli compilation.
    l'effetto era devastante

    RispondiElimina
  7. ecco qua. l'imitatore era Panariello!
    LOAL
    http://www.musicblob.it/magic-trash-italo-disco-giorgio-panariello-limprobabile-voce-dellitalian-house-demenziale-1.html

    RispondiElimina
  8. Grazie infinite per questa madeleine italo-house!

    Non so come sia possibile, visto che all'epoca non frequentavo discoteche per ovvi motivi anagrafici, ma questa canzone (se mi passate l'esagerazione) me la ricordo benissimo, pur avendola completamente rimossa dalla mia mente per gli ultimi venti anni.
    Possibile che roba del genere passasse in radio, pur nei felici anni Ottanta? O magari in seguito ne hanno fatto una cover... (se qualcuno ha notizie in merito, gradirei conferme o smentite).

    In ogni caso, temo che per alcuni giorni continuerò a canticchiare come un imbecille
    "E NON TOCCARMI IL CULO, DAI!"

    RispondiElimina
  9. Rubix pare che sia tornato alla ribalta e abbia pubblicato un singolo funky house intitolato Baiser sur la Disco. Oppure è un omonimo?

    RispondiElimina