Jean Paul Gaultier - How To Do That (1988 - 7'')

Non so voi, ma a me Jean Paul Gaultier è sempre stato simpatico; sarà per la sua follia, la sua voglia di stupire, la trasgressione intrinseca, il gusto per la sublimazione del kitch, i suo atteggiamenti eccessivi, ma tant'è!

Pochi si ricordano che lo stilista francese, proprio sul finire degli anni '80 si è improvvisato musicista (parola che mai come in questo caso deve essere utilizzata con parsimonia), regalandoci una canzone house tutt'altro che memorabile, che comunque riscosse un discreto successo nei club spinta soprattutto dalla fama del personaggio.

La canzone è costruita su una base ritmica piuttosto ripetitiva, dove il nostro, con il suo pesante accento francofono, snocciola liriche in loop senza un senso preciso ("How to that that in a new way? Bring some technic idea"), ma questo non ha molta importanza perchè comunque il tutto si sposa a meraviglia soprattutto nel videoclip dove tra glamour, kitch e auto ironia non mancano velati richiami (involontari?) a "The Wall".


Jean Paul Gaultier - How To Do That (retro del vinile)La cosa più interessante è però il disco come oggetto da collezione nella versione 7'' a tiratura limitata, con una copertina impreziosita da esclusivi inserti dorati, e soprattutto il vinile inciso su una sola facciata dove sul retro troviamo la stampa di ago e forbici che giocano con la fisicità del supporto, il tutto accompagnato dall'arguto gioco di parole "house couture" che potremmo trascrivere come "music fashion designer".

Il disco non è bello, in ogni caso è comunque stiloso, ma alla fine non potremmo dire lo stesso di tutta l'alta moda?
CONDIVIDI
    Commenti
    Commenti via Facebook

0 commenti:

Posta un commento