02 dicembre 2008

Roger Laredo & His Orchestra - Italy (1962)

Si sa che l'Italia è terra di santi, poeti e musicisti, quindi cosa ci poteva essere di meglio per il classe operaia inglese, che nei primi anni '60 non poteva permettersi di viaggiare nel Bel Paese se non ascoltarsi questa "cartolina musicale"?
Già dalla copertina troviamo ben espressi i concetti: il cappello dei Carabinieri, il fiasco di vino, la caciotta, il peperoncino, la foto della torre di Pisa ecc. Tutto questo viene trasportato magnificamente in musica attraverso un ventaglio di canzuncielle tradizionali riproposte con pennellate d'orchestra e tocchi folk qua e là.
La cosa inusuale è però la registrazione fatta utilizzando l'avanguardistico (per l'epoca) Phase 4 Stereo + I.M 20 C.R. che permetteva la gestione contemporanea di ben 20 canali separati.
Un mero esercizio di stile che non piacerà neppure vostra nonna, ma che farà sicuramente colpo sui vostri prozii ottuagenari che emigrarono da bambini negli Stati Uniti o Austrlia tante decadi addietro.

Tracklist:
01. Mattinata
02. Arriviederci Roma
03. The Echo Told a Lie
04. Roman Guitar
05. Come Back to Sorrento
06. La Danza
07. Vieni Sul Mar
08. Ciao Ciao Bambina
09. Maria Mari
10. O Sole Mio
11. Anema E Core
12. Carnaval of Venice

1/Blogger
/Facebook

1 commenti:

Litte Italy è sempre molto apprezzata, grazie!

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.