14 novembre 2008

Magic Voice - Dinosauri Sulla Terra (2005)

Magic Voice - Dinosauri Sulla TerraMa chi è questo Magic Voice? Molti guardando i suoi video si saranno fatti questa domanda, stupefatti dalle sue incredibili performance e dai suoi esilaranti discorsi confusi. Sulle gesta eroiche di Magic Voice girano mille leggende metropolitane, si dice che spesso e volentieri lo si possa incontrare in qualche bar romagnolo completamente ubriaco, o su una panchina della stazione ferroviaria di Rimini.

Ma torniamo alla domanda: chi è davvero Magic Voice?

Magic Voice, al secolo Francesco Giancaspro da Molfetta è per sua stessa definizione “un uomo capace di tutto”, il colpo basso all'establishment che alla Corrida bacia sulla bocca Antonella Elia, è l’ideale del "matto" di cui tanto vaneggia Povia, matto che però non fa sorridere suscitando pietà, ma fa proprio ridere di gusto con le sue trovate e le sue rocambolesche uscite, talvolta volute, talvolta inconsce, mai volgari. Magic Voice è l'ultimo vero clown del nostro tempo, l'ultimo pagliaccio triste, per bambini, nonni e genitori. Magic Voice è il lirismo magico dei barboni, altro che Povia!

Col suo nome d'arte che sa di America degli anni '80, scelto forse proprio perché, come Salgari fece con Mompracem, lui quell’America non ha mai potuto viverla, Magic Voice nelle sue canzoni va dalle forti critiche sociali di “Povera Piccola Italia” (“purtroppo è la realtà, l’Italia è questa qua, purtroppo è pura verità, l’Italia è questa qua”) al dadaismo spicciolo di “Tra Zim Tra Zum” (qui in una nuova versione intitolata "Zum Zum Track"), che affonda le sue radici in qualche assurda tradizione popolare pugliese.

Con alti e bassi, quanto gli permette l'alcolismo altalenante, lo potete vedere una volta sfatto in una piscina a sciorinare liriche improvvisate su quanto il nostro sia un "Porco Mondo", la volta dopo ripulito e quasi cosciente a mettersi in gioco con un pizzico di autoironia ne “La Botola” di Fabrizio Frizzi.

Il disco che oggi vi presentiamo, "Dinosauri Sulla Terra", raccoglie tutti i suoi successi, alcuni risalenti alla metà degli anni ’90, altri prodotti apposta per l’occasione. I brani sono tutti scritti da Rinuccio, al secolo Rino Piccione, che altri non è che il tastierista folle dai mille cappelli che potete ammirare in questa splendida performance di Magic Voice in una rete locale romagnola; non a caso se spulciate negli archivi della Lollygag, l’etichetta che ha pubblicato “Dinosauri Sulla Terra”, troverete una manciata di album firmati da Rino Piccione.

Magic Voice è un vero uomo di spettacolo, un dilettante vero, nel senso che si diletta a fare di tutto, la musica, la tv, le barzellette, le poesie, il cabaret, tutto fatto male, ma con tanto coraggio, il coraggio di chi forse è in un mondo tutto suo e che in ogni caso non ha nulla da perdere.

I più grandi miti spesso nascono dalla costanza nella dissoluzione: vent’anni passati a dormire in stazione girando con due buste di dischi per autopromuoversi sono cento volte più poetici, formativi e interessanti di una "Vita Spericolata". Perchè Magic Voice è la vera voce di chi è borderline, è il lavapiatti che nel tempo libero canta le canzoni di Umberto Tozzi, e che da un giorno all’altro fa ballare tutta la riviera con la sua “Ciao Ciao Lulù”.

Il disco è scaricabile gratuitatemente e legalmente dal sito ufficiale della Lollygag; chiunque fosse in possesso di altro materiale audiovisivo di Magic Voice è pregato di contattarci.

Eccezionalmente ci siamo permessi di omaggiare uno dei momenti più divertenti (e tristi) della sua carriera, e quest'oggi vi presentiamo uno specialissimo ed esclusivo remix de "Le Barzellette Di Magic Voice", only for your ears.



Tracklist:
01. Dinosauri Sulla Terra
02. Figlio Di Cornuto
03. Zum Zum Track
04. Povera Piccola Italia
05. Internet
06. Testa Fresca
07. Ciao Ciao Lulù
08. Venerdì
09. Ucci Ucci
10. Ciao Ciao Lulù (Base)

2/Blogger
/Facebook

2 commenti:

Queste sono cose che fanno male, ma voi le fate sembrare divertenti.
Grande Vikk e Grande 4termastro!
Amaro Cora forever!

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.