11 aprile 2008

Andrea Vantini - A Silvio (Menomale che Silvio C'è) (2008 - singolo)

Andrea Vantini - A Silvio A Silvio (Menomale che Silvio C'è)

Andrea Vantini, Verona classe 1969, un passato da "pianobarista", cantautore di scarso successo, ex proprietario di un agenzia di serenate a domicilio, nel lontano 2002, guardando una puntata di Sciuscià resta colpito dai feroci attacchi portati a Silvio Berlusconi e si domanda perchè tutti ce l'hanno con "il piazzista di Arcore" (cit.).

Invece di indagare sulle ragioni politiche di questo presunto "odio" ed informarsi sulla storia di Berlusconi, della sua fortuna, delle sue amicizie politiche e non, delle ragioni della sua scesa in campo e di cosa ha combinato durante gli anni del suo governo, decide di affidarsi alla musa Euterpe e, leggenda dice, scrisse di getto il brano "Menomale che Silvio C'è" che secondo le sue stesse parole era "una risposta culturale-artistica agli attachi infamanti" di cui era oggetto il Cavaliere. Purtroppo per Vantini nessuno all'epoca si mostrò interessato al brano che rimase chiuso nel cassetto per anni.

In realtà il menestrello veronese non era nuovo a questo tipo di espressioni artistico-culturali avendo in precedenza omaggiato con una canzone anche un (ex?) caro amico di Silvio, tale Bettino Craxi (sarà un caso?), ma questa è un'altra storia.

Caduto l'inutile governo Prodi, Vanitini rispolvera la vecchia incisione che questa volta viene finalmente apprezzata e dopo qualche aggiustatina al testo ed una opportuna reincisione, cambia titolo trasormandosi in una più poetica "A Silvio" diventando l'inno ufficiale del Popolo delle Libertà che per l'occasione ha creato il sito www.menomalechesilvioce.it , dove è possibile comprare maglietta, CD, bandana e amenità varie tutte ispirate al nostro Silvio.


Un'operazione similare e per altro con un titolo identico (sarà una coincidenza?) è stata fatta anni prima da Gerardo Carmine Gargiulo che nel suo delirio musicale risultava anche divertente in alcune parti (le parti in dialetto milanese - lui proveniente da Avellino - o l'incoronazione di Silvio I Re d'Italia), mentre il brano originale di Vantini, oltre ad essere una lagna di ispirazione ramazzottiana (ad esser buoni), si prende tremendamente sul serio.

Al contrario, la nuova versione incisa per la campagna elettorale, è involontariamente assai più ironica tanto da cadere nel kitch involontario, soprattutto se l'ascolto è accompagnato dal "meraviglioso" video, dove possiamo apprezzare il cantato in stile Band Aid affidato ad uomini della strada, artefatti come il gelato al Puffo e che sembrano usciti da una puntata di Bim Bum Bam, con uno straziante ritornello ripetuto fino alla morte (cerebrale dell'ascoltatore) intonato da un gruppo di giovani (precari?) sorridenti che inneggiano all'uomo di Arcore.

Musicalmente si potrebbe dire che il brano è statto trasformato in una canzone da Papa boys geneticamente modificata, in cui l'unico e vero verbo è Silvio; dubito che neppure i boy scout più intransigenti canterebbero una schifezza del genere.

Un altro imperdibile tassello della storia di quest'uomo che può rendere tutti più "orgogliosi" di essere italiani.

Meno Male Che Silvio c'è - Andrea Vantini

A Silvio
(Menomale che Silvio C'è)
(Andrea Vantini)

C’è un grande sogno
Che vive in noi
Siamo la gente della libertà,
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è

Siamo la gente
Che ama e che crede
Che vuol trasformare
Il sogno in realtà
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è

Siamo la gente
Che mai non si arrende
Che tende la mano
Che forza si dà
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è

Viva l’Italia
L’Italia che ha scelto
Di credere ancora
In questo sogno
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è

Canto così
Con quella forza
Che ha solamente
Chi è puro di mente

Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è

Viva l’Italia
L’Italia che ha scelto
Di credere ancora in questo sogno
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è

Viva l’Italia
L’Italia che ha scelto
Di credere ancora in questo sogno
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è

Viva l’Italia
L’Italia che ha scelto
Di credere ancora in questo sogno
Presidente siamo con te
Menomale che Silvio c’è
Presidente questo è per te
Menomale che Silvio c’è

9/Blogger
/Facebook

9 commenti:

Oddio che video!

Sono costernato. :|

Complimenti vikk! Puntuale come sempre a segnalarci le grandi
perle del belcanto nostrano!


Props!!!!

Però devo ammettere che "Forza Italia" era più trascinante... per non parlare dell'inno dell'Udeur!!

vorrei farvi notare che questo brano assomiglia parecchio a brani italiani piu' o meno noti... ricominciamo, spunta la luna dal monte, certe notti, ho imparato a sognare e perfino l'intro orchestrale di ''come un cammello in una grondaia'' di battiato!!!! ....non trovate? ciao

caro anonimo, sai che comincio a sentire anch'io queste affinità nella versione originale del 2002

che cazz....ragazzi devo lasciarvi...ho un urgente necessità biologica da espletare alla toilette....

vantini ti devi uccidere! stai succhiando il cazzo al demonio!!!

A proposito di "Spunta la Luna Dal Monte" , il gruppo Sardo che fa i cori a Pierangelo Bertoli non erano forse i T'Azienda? Ah. Ah, Ah.
Sat Vein In Meint!

Musicalmente parlando il pezzo non è affatto male... ma per quanto al resto ho una sola parola di commento per l'autore: SPARATI

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.