12 dicembre 2007

AA.VV. - Natale con i Tuoi... (1984)

AA.VV. - Natale con i Tuoi...Questa è forse la più triste compilation natalizia di sempre; già la copertina nera (!?! - poi sostituita nelle ristampe successive) dovrebbe servire come monito per quello che le nostre orecchie ascolteranno appena la puntina del disco toccherà il vinile.
Ad eccezione di "Adeste fideles" di Giuni Russo, tra l'altro fuori posto in un contesto prettamente pop, le restanti 10 tracce giungono alle nostre orecchie come una punizione divina.
La palma dei più ignobili se la giocano Ivan Cattaneo con la sua versione dance di "Tu scendi dalle stelle" e Pierangelo Bertoli in preda a lamentose visioni in "Biglietto d’auguri"; nel mezzo troviamo Roberto Vecchioni che dà il peggio di sè con "Dalle stelle alle stalle", una specie di polpettone natalizio con un testo delirante, un piagnucoloso Riccardo Fogli con "pace" che sarebbe stata scartata anche allo Zecchino D'Oro e la sua ex band, ovvero i Pooh, che riprende stancamente "Happy Xmas".
Tra gli altri impegnati a rovinare classici del passato troviamo: Adriano Celentano con una versione strascicata di "Bianco Natale", l'accoppiata Caselli-Rettore che riverniciano di synth "Little drummer boy/Peace on earth" e cercano di cantare il brano a due voci, ma con risultati catastrofici, Ornalla Vanoni che sbiascica qualcosa in "Stille nacht", mentre la versione di "Jingle bells" di Heather Parisi è talmente trash che speravo fosse uno scherzo di cattivo gusto.
Una compilation che più che celebrare il Natale in famiglia è un inno al cattivo gusto.

Tracklist:
01. Pooh - Happy Xmas (war is over)
02. Ivan Cattaneo - Tu scendi dalle stelle
03. Giuni Russo - Adeste fideles
04. Dario Baldan Bembo - Mull of kintyre
05. Caterina Caselli e Donatella Rettore - Little drummer boy/Peace on earth
06. Roberto Vecchioni - Dalle stelle alle stalle
07. Adriano Celentano - Bianco Natale
08. Heather Parisi - Jingle bells
09. Riccardo Fogli - Pace
10. Ornella Vanoni - Stille nacht
11. Pierangelo Bertoli - Biglietto d’auguri

13 commenti:

Accidenti Vikk, come sei prolifico... ma che hai preso il Viagra?

no e' che un po' di cose le avevo gia' da parte; in realta' dopo il 24 mi prendo un mesetto sabbatico.

Vikk, con questa sfilza di post natalizi non so da dove cominciare. Appena trovo mezza giornata libera leggo tutto! :D
Intanto colgo l'occasione per segnalarti quest'uomo:
http://en.wikipedia.org/wiki/Blowfly_(artist)
merita sicuramente la tua attenzione!
Sul suo myspace puoi ascoltare un assaggio delle sue prodezze come la meravigliosa "should i fuck this big fat ho", cover di "should i stay or should i go" (capolavoro! XD).

Io questa ce l'ho su cassetta e a casa la rispolveriamo ogni anno! Grande Giuni Russo

Ti ricordi che ti ho segnalato una canzone di Piero Ciampi (quello imitato da Zucchero, per intenderci) che si chiama "Il Natale è il 24"? Bene. I testi di questo straordinario poeta li potete trovare su http://pierociampi.altervista.org/
E' un tuffo nella poesia più trasversale per riscoprire Piero e lanciarsi verso nuove immaginazioni.
Se poi vi capiterà di ascoltare "Adius", vi troverete al cospetto del più bel "Vaffanculo" della musica italiana... Odd, Weird, o Poetry? Fateci sapere.

merea di ca...te questo cd l'ho ascoltato da quando ero piccola tutti i natali e nessuno si è mai suicidato!!!

non ho detto che incita al suicidio, ma che è solo un ottimo lassativo

ascolto questa cassetta ogni natale, spero non si rompa mai..per me è bellissima!
veronica

natale con i tuoi....grande rettore..russo..parisi

a me piaceva
in casa mia la cassetta c'è ancora , l'ho copiata su mp3 e tutti gli anni la ascolto

fa pena solo sentire sta gente che canta cattaneo e da vomito fa delle canzone che non piacciono non si possono sentire fanno schifo e pure lui giuni russo morta ahime si risparmio di fare sta gagata di pezzo ciao

per me è un disco cosi' bello e pieno di ricordi dei miei bambini ancora piccoli che mi commuove ancora e ho girato ovunque per cercare il cd e l'ho trovato.
in questo momento lo sto sentendo e spero di sentirlo per tutti i natali della mia vita!!!!

AHAHAHAH!!! Questa recensione è stupenda, e da possessore di questo disco (in realtà ho una ristampa con compertina blu, ma ugualmente triste) posso solo confermare ciò che VIKK ha scritto.
Unica cosa... nella mia versione del disco ho una traccia in più intitolata "Go to tell it on the mountains" e cantanta da Josy A. Novack... vi dirò... secondo me quella si salva!!!!

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.