12 febbraio 2006

Mauro Repetto - Zucchero Filato Nero (1995 - CD)

Mauro Repetto - Zucchero Filato Nero

“Che fine ha fatto il biondino che ballava negli 883?”: questa è la domanda che in molti si pongono e che molti sanno già o credono di sapere, ma ripetere non guasta mai in questi casi.

Mauro Repetto è l’ultimo eroe romantico della musica italiana: ha abbandonato il gruppo più famoso della musica pop italiana degli ultimi anni all’apice del successo per trasferirsi in USA e poi di fallimento in fallimento si dice sia diventato l’orso Baloo ad Eurodisney, ma andiamo con calma.

Siamo nei primi anni '90 e gli 883 sono il nuovo fenomeno musical-generazionale italiano partorito dal mai domo Claudio Cecchetto. Due album campioni d’incassi come "Hanno Ucciso l’Uomo Ragno" (1992) e "Nord Sud Ovest Est" (1993) lanciano Max Pezzali e Mauro Repetto dal bar in piazza a Pavia alla cima delle classifiche di vendita. Sono su tutti i giornali, le radio e le discoteche mandano a ripetizione le loro canzoni, piacciono a grandi, piccini, mamme e papà perchè anche se dicono le parolacce le loro facce da ragazzi qualunque sono rassicuranti.

Purtroppo in tutto questo circo Mauro, pur essendo, mente del gruppo e co-autore dei testi, non riesce a trovare una posizione nelle esibizioni dal vivo e mentre Max canta, lui non trova di meglio se non ballare come uno scalmanato ed incitare il pubblico, scatenando contemporaneamente ilarità, tristezza e compassione. Da lì a diventare ben presto "quello che balla degli 883" il passo su molto breve. Se questo non bastasse il nostro viene pressochè ignorato dai media e pesantemente deriso dall'opinione pubblica, diventando l’obbiettivo preferito di molti comici (tra tutti divenne discretamente famosa all'epoca la parodia ad opera de I Fichi d’India, che trasformarono "Sei Un Mito" in "Sei Un Muto"): nasce così il mito de “il biondino che ballava”.

Mauro, giustamente, non ci sta e dopo aver preso una sbandata folle per la modella Brandi decide di trasferirsi negli States realizzando così un suo vecchio sogno. Di punto in bianco lascia l’Italia e vola in America per produrre un film nel quale Brandi avrebbe dovuto essere la protagonista (sperando in questo modo di conquistarla), ma si affida ad un losco avvocato che per 20.000 dollari, gli promette di fornirgli l’aggancio "giusto". Il suo "Amercan dream" finirà ben presto: l’avvocato scompare con il malloppo e Mauro torna mesto mesto in Italia.

Il nostro idolo decide di abbandonare le sue velleità di regista e chiama il vecchio mentore (alias Claudio Cecchetto) per incidere un disco come solista; in fondo era sempre l’altra metà degli 883 e, almeno sulla carta aveva buone possibilità di accaparrarsi almeno una goccia dell'immenso oceano di fan della sua ex band.

Purtroppo “Zucchero Filato Nero” è un flop sotto tutti i punti di vista: scrittura banale, voce afona e stonata, melodie quasi fastidiose e testi rozzi e raffazzonati.
Degli 883 non c'è nulla: manca lo lo "skazzeggio", i testi tardo adolescenziali e le melodie idiote ma memorizzabili. La differenza con la spensieretezza dai risvolti un po' malinconici della sua passata esperienza al fianco dell'amico Max si acuisce in passaggi pesantemente autobiografici come "Brendi's Smile", dove il nostro, beffandosi della metrica, racconta il fallimento del suo sogno americano. Il disco, oggi lo si può ricordare forse solo per la presenza in alcune canzoni di Francesca Tourè futura vocalist dei Delta V.


Nonostante fosse stato girato anche un video per la canzone "Baciami Qui" il disco fu un flop clamoroso sia per l'interprete, sia per il suo produttore artistico (tale Cecchetto): opera stroncata senza appello e disinteresse generale da parte del pubblico; il tutto fu ancora più amaro vedendo il successo sempre crescente che il suo ex "compagno di sala giochi" stava ottenendo.

Mauro decide di lasciare nuovamente l’Italia con destinazine questa volta Parigi. Dopo averci provato ancora con il cinema con il cortometraggio "Point Mort" passato tra l'indifferenza di tutti abbandona lo show business e leggenda vuole inizi a lavorare ad Eurodisney.
La verità (forse) non la sapremo mai. Di sicuro sappiamo che ora Mauro Repetto vive a Parigi, come direttore dello studio di design della moglie Joséphine Repetto dalla quale ha avuto due figli.

Il desaparecido Mauro riappare inaspettatamente nel 1998 in occasione dell'oceanico concerto degli 883 in Piazza Duomo a Milano, quando con una fugace apparizione sale sul palco e saluta i fans che accalcano la piazza, oscurando l'amico Max che, per qualche ragione ignota, appare in seria difficoltà, riuscendo solo a farfugliare qualche banalità, preoccupandosi solo di togliere di mano il microfono all'ex socio.

Eroe romantico, ultimo mito del XX secolo, sognatore o idealista del tardo '900, scegliete voi la definizione che più vi aggrada, ma anche se le sue doti artistiche sono pressochè nulle (perchè vogliamo parlare di quelle di Max Pezzali? Suvvia...) bisogna riconoscergli il coraggio di aver lasciato facili guadagni, fama e successo per potersi guardare allo specchio e dire: ci ho provato.

Mauro Repetto ha volutamente ucciso il suo personaggio un po' come Lucio Battisti o Mina, ma in maniera ancora più radicale e se Max lo vediamo con sempre meno capelli e sempre più chili, lui rimarrà per sempre "il biondino che ballava" guadagnandosi l’eterna gioventù che solo i veri miti posseggono.

EDIT 2012 & 2013: Come un fulmine a ciel sereno il nostro Mauro ricompare improvvisamente su YouTube in una serie di video con degli assaggi dela sua nuova commedia teatrale "The Personal Coach" in programma per tutta la primavera 2012 al teatro Essaïon di Parigi. Questo è solo l'inizio di un piccolo ritorno sulle scene, prima come ospite nel video di "Sempre Noi" e poi firmando un paio di nuovi brani per la raccolta "Max 20".



Tracklist:
01. My Love
02. Zucchero Filato Nero
03. Baciami Qui
04. Nervoso
05. Un Grande Si
06. Brandi's Smile
07. Voglia di Cosce e Sigarette
08. Però Dai Si
09. Porno a Las Vegas
10. Nual
11. Ma Mi Caghi?
12. Fiori o Formiche

25 commenti:

Già,concordo.Io lo definirei piuttosto "pop ad alto contenuto erotico che non eccita".

BoMmA :->

sei un grandeeeeeeeee davvero...cmq non sono riuscita ad ascoltare l'album...cmq ne sono alla ricerca disperata...che razza d'invasata

Se volete il disco di Repetto lo trovate su eMule ;-)

lascia senza parole.... e non in senso positivo...

Repetto che idolo...il suo album è diventato un MUST per me...l'autoironia di "Ma mi caghi"...la genialità dei testi...un capolavoro assoluto!

...io sapevo che faceva Pluto, non Pippo...

guardate che non è andata così, non ha seguito brandi negli stati uniti, lui si è inammorato di brandi, vedendola a milano moda, acchitta un piano geniale: faccio un film come regista, prendo lei come attrice così lei ci sta.
parte per new york dove un avvocato con la scusa di metterlo in contatto con il mondo del cinema lo ripulisce di gran parte dei suoi guadagni e allo stesso tempo viene tagliato fuori dagli 883.
in brandi's smile lui lo racconta chiaramente anche macchianera.net ha raccontato questa storia

Il disco musicalmente non e' nemmeno malaccio, un po' hip-hop, un po' R&B (a parte una canzone che comincia con un urlo "alle 3!!!!" che fa veramente schifo); sono i testi ad essere terribili....

bhe' le musiche NON sono state scritte da lui (la stessa cosa accadeva negli 883), i testi sono pessimi, ma vogliamo parlare delle linee vocali?!?!?!
Se negli 883 Repetto si occupava dei testi probabilmente lo faceva sulle linee vocali di Max.

bellissimo post....per l'album più trash della musica italiana!
ieri ho trovato una copia del cd a 3€ e non me la sono lasciata sfuggire!!!
haha

ciao, gran bel blog!!!

mi hai fatto pisciare addosso dalle risate. bazzico sempre tra 1.000 blog, ma erano mesi che non leggevo qualcosa di veramente geniale su un personaggio veramente incredibile...

sei un mito (ricorda qualcosa?)

grazie furio per i complimenti :D

Sono stata a Parigi in dicembre e
ho incontrato Repetto in un bistrot.
Dice che col passato ha chiuso.
E' stato molto gentile e disponibile, alla fine abbiamo anche cenato insieme: io, lui, la moglie Josephine e i due figli Maz e Brandi.

Spioncina

O_O

o mio dio
io adoro il vostro blog
hmm non so come dirvelo

ma la mia era solo una battuta; fantastica, ma pure sempre e solo una battuta!

max e brandi...
O_O

Spioncina

http://digilander.libero.it/MauroRepetto , questo è il sito con maggiori informazioni su MAuro, io sono l'autore e per anni mi sono documentato su di lui... !!!

viva mauro repetto, viva luigi dei fratelli mario, viva ciccio ingrassia, viva cochi ponzoni, viva giorgio conte, il tastierista dei roxette, i musicisti dei jamiroquai e tutti gli eroi silenziosi di questa società in cui, come nei cartoni giapponesi, "vince sempre il personaggio vestito di rosso"

Idolo assoluto! Bellissima "Voglia di cosce e sigarette":mezz'ora di intro di chitarra classica virtuosa e latineggiante,e poi entra lui e urla come un pazzo "Alle Treeeee!!!" e poi parte con il suo flusso di coscenza senza alcun filtro...raggiunge il climax con "MMaammmaaa...." e ancora una volta ditrugge il phatos urlando "Alla Notteeee!!!!" e ripetendo ancora una volta il ciclo...fino al finale "Stop!!!"...
Grande genio incompreso,unico erede italiano del rituale Morrisoniano

Se ti interessa in mp3 ho una versione Demo di "Voglia di Coscie e di Sigarette". Non ricordo quanto tempo fa la trovai, né dove.

Maurizio non capisci un cazzo, si vede che la tua vita è stata e ancora è vuota e inutile, senno riusciresti a comprendere la grandezza di chi non si arrende dopo tante peripezie e prove dell'esistenza, e comunque ci prova. Ti sudano le mani è??? AHAHAH

Hai perfettamente ragione. Max lo vediamo invecchiare,ingrassare e perdere i capelli come tutti i comuni mortali; Mauro resterà per sempre "il ragazzo biondo che ballava degli 883!"

Dice 'sono una persona normale'... ma se gli andava bene? Un po' ipocrita non trovate?

Ma veramente Mauro Repetto ha chiamato i suoi due figli Max e Brandi? :-OOO

Repetto ora fa l'attore teatrale,dopo aver lavorato ad EuroDisney.Recita in monologhi suoi [è al secondo]o qualcosa del genere,a Parigi.Ha i capelli più corti,e mi pare un pizzetto [la foto del sito che ne parlva era sfocata,e non la ricordo bene].

siete veramente ingiusti con max...se fosse stato lui il vero ero degli 883 max avrebbe dovuto cedere e lui tornare a fare musica...di fatti si è rivelato il contrario. se non vi piace lo potete anche dire ma gettrae menzogne non va bene...in italia pochi riescono ad essere come max.. e anche se a voi non piace ..che vi piaccia o no...ha i suoi fan..tutti stupidi??

Bellissimo articolo, completo ...complimenti ogni tanto è bello sapere che ci sono degli idealisti...o almeno c'erano una volta....

Grazie !!!

PS: La Modella brandi è: Brandi Quinones e ha avuto qualche guaio con la legge USA:

http://www.bustedmugshots.com/florida/miami/brandy-quinones/35208181

http://www.bustedmugshots.com/florida/miami/brandi-quinones/35437731

Posta un commento

I commenti su Orrore a 33 Giri sono assolutamente liberi, perchè crediamo sia giusto lasciare piena libertà di opinione ai lettori anche se completamente diversa dalla nostra; ci riserviamo però il diritto di eliminare il tutto senza alcuno scrupolo qualora:
- venga superato il limite dell'indecenza
- dovessero essere inseriti link a siti per pubblicità o simili
- vengano insultati terzi o altri lettori
Per tutti i dettagli sulla policy del sito vi rimandiamo al disclaimer.

Gli off topic vanno bene, ogni tanto, ma non abusiamone. Se volete contattarci vi preghiamo di fare riferimento alla pagina apposita per i contatti.
Ovviamente è cosa gradita firmare i vostri commenti visto che noi lo facciamo con tutti gli articoli che pubblichiamo.

Se vuoi seguire la conversazione iscriviti al feed dei commenti.